Mito 2715 punti

I primi dei

Ogni storia della creazione ha il suo inizio con il Caos; accade così anche nella mitologia greca.
Da Caos nacquero Notte e Erebo; Notte fu la madre di Etere, Giorno, Ipnos, Thànatos e delle Moire. Successivamente Gea divenne la selvaggia base che dà vita ad ogni cosa; Urano, che li racchiudeva tutti, era il dio più importante dei primordi.

I titani
Gea fu la maggiore protagonista della cosmogonia greca. Sposa di Urano, concepì con lui i titani: per primo nacque Oceano, padre delle Oceanidi e sposo di Teti.
Iperione, che con Thea, generò Elio, Selene e Eoa; Ceo che con Febe diedero alla luce Asteria e Leto; Crio sposo di Euribia, fu padre di Astreo, Pallante e Perseo; Giapeto, che si accoppiò con l'oceanide Climene, generò Atlante, Menezio, Prometeo ed Epimeteo. Infine Crono sposo di Rea, dai quali nacquero Estia, Demetra, Era, Ade, Poseidone e Zeus.

All'inizio Gea e Urano vissero in armonia ma poi si separarono. Urano venne mutilato da Crono e Gea si unì a Ponto, dando alla luce Nereo, Taumante, Euribia, Forco e Ceto. L'unione tra Taumatante e Elettra, un'oceanide, diede vita alle Arpie; Nereo e Doride, oceanide anch'essa, furono i genitori delle 50 Nereidi.

Crono e Rea

Crono, uno dei membri della prima generazione di dèi, fu il solo figlio ad aiutare Gea e a vendicarsi del padre Urano. Castratolo, infatti, ne prese il posto e gettò i fratelli Ecatonchiri e Ciclopi nel Tartaro. Sposò, quindi, sua sorella Rea, ma uccideva, divorandoli, tutti i figli nati, per paura di venire soppiantato da qualcuno di questi. Finché Rea stanca, accortasi di aspettare il futuro Zeus, si rifugiò a Creta e partorì in gran segreto. Lasciò poi il figlio alla oceanide Metide dando a Crono un sasso avvolto tra fasce, che egli divorò.

Titanomachia
Cresciuto, Zeus forzò crono ad ingoiare una pozione e a vomitare tutti i figli ingoiati, che unirono le forze e salvarono gli Ecatonchiri e i Ciclopi. Tutti insieme dichiararono guerra a Crono, alleatosi con i Titani. I due schieramente erano appoggiati sul Monte Otri (Titani), sul Monte Olimpo (Zeus).
I Ciclopi diedero a Zeus fulmini e lampi, a Poseidone un tridente, ad Ade un elemtto per essere invisibile. La vittoria della schiera di Zeus fu veloce e la giovane divinità divenne il re dell'Olimpo.

Registrati via email