Ominide 1778 punti

Paride


Paride, principe troiano, non che figlio di Priamo, viene visto come la causa della guerra di Troia perché portando Elena a Troia ha scatenato la guerra.
Paride venne abbandonato quando ancora era un bambino, perché quando i genitori andarono dall’oracolo a interrogarlo sul suo destino lui disse che sarebbe stato la rovina della città. Paride cresce nei boschi dove imparò a tirare le frecce diventando quindi un arciere. Quando lui divenne grande tornò a Troia. Paride veniva visto come un eroe quasi femminile perché non era il classico eroe come Achille e Ettore che duellavano e combattevano faccia a faccia, lui uccideva le persone alle spalle, maggior parte delle volte senza che loro sene accorgessero. Un altro elemento che rende Paride particolare è il fatto che lui ha messo l’amore prima dell’importanza di Troia, se lui fosse stato un vero uomo avrebbe rinunciato a Elena e non avrebbe scatenato tutto ciò, inoltre anche quando è a Troia non pensa a combattere, ma piuttosto a stare con Elena. Anche quando Menelao lo trova e lo sta per uccidere, interviene Afrodite che attraverso una fitta nebbia profumata lo riporta tra le mura della città. A volte Paride viene addirittura rimproverato da Elena, che era una donna greca abituata quindi ad avere un marito guerriero. Si dice che lui morì a Troia.
Hai bisogno di aiuto in Iliade?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email