Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Iliade - Parafrasi, Ettore e Andromaca

Parafrasi di uno dei passi più salienti dell'Iliade, ossia relativo all'ultimo incontro tra l'eroe troiano Ettore e la sua devota moglie.

E io lo dico a Skuola.net
Ettore e Andromaca – parafrasi
Ascoltate le parole, Ettore dall'elmo dorato se ne andò, e velocemente arrivò nella sua grande dimora. Non trovò la moglie Andromaca dalle candide braccia: infatti ella stava sulla torre sovrastante le porte Scee, triste, con le lacrime agli occhi, con il figlio e una schiava. Quando il guerriero non vide la moglie, tornò nell’androne dicendo alle serve: “Dite la verità, dov’è Andromaca? Dalle mie sorella o cognate, o al tempio della Pallade, dove molte troiane supplicano la potente divinità?” Colei che accudiva le schiave in tal modo rispose: “Ecco ciò che vuoi: non è dove pensi. Si trova sulla somma torre di Troia: ha saputo dell’imminente disfatta troiana e dell’enorme potenza Achea. Così ella è corsa verso le mura, ansiosamente, quasi fosse folle, portandosi con sé la nutrice e il figlio”. Appena la schiava smise di parlare, Ettore corse fuori dal palazzo, e per lo stesso tragitto, lungo strade ben costruite, attraversò la città fino ai portali Scei. Da qui voleva scappare, quando la ricca sposa Andromaca gli corse incontro, figlia del nobile Eezione, che sotto il monte Placio boscoso, nella Tebe posta ai suoi piedi governava sui popoli della Cilicia. E la figlia era sposata con Ettore. Così Andromaca gli venne incontro, con la nutrice che aveva con sé il fanciullo, l’amato figlio del guerriero, somigliante a una chiara stella. Il padre lo chiamava Scamandrio, gli altri signore della città, perché Ettore difendeva Troia da solo. Il guerriero sorrideva tacitamente guardando suo figlio, ma la sposa, a lui vicina, lacrimava. Poi gli afferrò la mano dichiarando: “Morirai per la tua audacia, sventurato. Non hai pietà di tuo figlio, né di me, sconsolata, che prossimamente rimarrò vedova. Gli Achei ti assassineranno: sarai preda di tutti. Morirò senza di te. Mai più gioirò, dispererò soltanto.
Registrati via email