Alef93 di Alef93
Genius 9694 punti

Letteratura epica

Il termine epica, deriva dal greco epos che significa parola, discorso o racconto, ed è la narrazione poetica delle imprese gloriose, straordinarie di un popolo, dei suoi eroi, dei suoi dei.
Tutti i popoli antichi hanno sentito l'esigenza di tramandare ai posteri le memorie del proprio passato riguardanti le vicende della patria e le gesta gloriose degli eroi locali. Questi canti di tipo epico, pur presentando una realtà spesso trasfigurata, idealizzata dalla fantasia poetica e popolare, rappresentano un vero e proprio "fatto culturale" in quanto rispecchiano gli ideali e i valori sia religiosi, civili, sociali e politici dell'intero gruppo sociale o del popolo a cui appartengono.
I canti celebrativi nei tempi antichi venivano trasmessi oralmente di generazione in generazione da poeti-cantori, detti "aèdi" o "rapsodi", che nelle corti nelle piazze, nei villaggi e nelle città recitavano le loro composizioni accompagnandosi con strumenti musicali quali la cetra o la lira. Solo più tardi, questi canti, costituirono l'antichissima tradizione epica popolare, e si unificarono, per opera di grandi poeti, in veri e propri poemi, e tra quelli più importanti ricordiamo l'Iliade e l'Odissea, che sono stati attribuiti ad Omero. L'Iliade è il poema della guerra di Ilio, città chiamata anche Troia; mentre l'Odissea, narra le avventure di Ulisse, chiamato dai greci Odisseo. Essi costituiscono degli importanti documenti della società greca antica, in particolare della civiltà micenea, fiorita in Grecia fra il 1300 e il 1000 a.C. per opera degli Achei.

Registrati via email