Pillaus di Pillaus
Genius 7338 punti
Questo appunto contiene un allegato
Greco - Traccia e Soluzione scaricato 613 volte

Testo
ἐγὼ γάρ, ὦ ἄνδρες Ἀθηναῖοι, ἄλλην μὲν ἀρχὴν οὐδεμίαν πώποτε ἦρξα ἐν τῇ πόλει, ἐβούλευσα δέ: καὶ ἔτυχεν ἡμῶν ἡ φυλὴ Ἀντιοχὶς πρυτανεύουσα ὅτε ὑμεῖς τοὺς δέκα στρατηγοὺς τοὺς οὐκ ἀνελομένους τοὺς ἐκ τῆς ναυμαχίας ἐβουλεύσασθε ἁθρόους κρίνειν, παρανόμως, ὡς ἐν τῷ ὑστέρῳ χρόνῳ πᾶσιν ὑμῖν ἔδοξεν. τότ᾽ ἐγὼ μόνος τῶν πρυτάνεων ἠναντιώθην ὑμῖν μηδὲν ποιεῖν παρὰ τοὺς νόμους καὶ ἐναντία ἐψηφισάμην: καὶ ἑτοίμων ὄντων ἐνδεικνύναι με καὶ ἀπάγειν τῶν ῥητόρων, καὶ ὑμῶν κελευόντων καὶ βοώντων, μετὰ τοῦ νόμου καὶ τοῦ δικαίου ᾤμην μᾶλλόν με δεῖν διακινδυνεύειν ἢ μεθ᾽ ὑμῶν γενέσθαι μὴ δίκαια βουλευομένων, φοβηθέντα δεσμὸν ἢ θάνατον. καὶ ταῦτα μὲν ἦν ἔτι δημοκρατουμένης τῆς πόλεως: ἐπειδὴ δὲ ὀλιγαρχία ἐγένετο, οἱ τριάκοντα αὖ μεταπεμψάμενοί με πέμπτον αὐτὸν εἰς τὴν θόλον προσέταξαν ἀγαγεῖν ἐκ Σαλαμῖνος Λέοντα τὸν Σαλαμίνιον ἵνα ἀποθάνοι, οἷα δὴ καὶ ἄλλοις ἐκεῖνοι πολλοῖς πολλὰ προσέταττον, βουλόμενοι ὡς πλείστους ἀναπλῆσαι αἰτιῶν. τότε μέντοι ἐγὼ οὐ λόγῳ ἀλλ᾽ ἔργῳ αὖ ἐνεδειξάμην ὅτι ἐμοὶ θανάτου μὲν μέλει, εἰ μὴ ἀγροικότερον ἦν εἰπεῖν, οὐδ᾽ ὁτιοῦν, τοῦ δὲ μηδὲν ἄδικον μηδ᾽ ἀνόσιον ἐργάζεσθαι, τούτου δὲ τὸ πᾶν μέλει. ἐμὲ γὰρ ἐκείνη ἡ ἀρχὴ οὐκ ἐξέπληξεν, οὕτως ἰσχυρὰ οὖσα, ὥστε ἄδικόν τι ἐργάσασθαι, ἀλλ᾽ ἐπειδὴ ἐκ τῆς θόλου ἐξήλθομεν, οἱ μὲν τέτταρες ᾤχοντο εἰς Σαλαμῖνα καὶ ἤγαγον Λέοντα, ἐγὼ δὲ ᾠχόμην ἀπιὼν οἴκαδε

Traduzione

In effetti, io, o Ateniesi, non rivestii mai nessun’altra carica nella città, feci però parte del Consiglio; alla nostra tribù Antiochide allora toccò in sorte l’esercizio della pritania, quando voi decideste di giudicare, illegalmente, come a tutti voi sembrò in seguito, tutti insieme i dieci strateghi che non avevano raccolto quelli che si erano salvati dalla battaglia navale. Allora solo io fra i pritani mi opposi al fatto che compiste qualcosa contro le leggi e votai contro; e mentre i retori erano pronti a denunciarmi e ad arrestarmi, e mentre voi li incitavate e gridavate, pensai che io dovevo rischiare dalla parte della legge e della giustizia piuttosto che, temendo la prigione o la morte, stare con voi, che decidevate azioni non giuste. E questi fatti si verificavano, quando la città era ancora in regime democratico; ma dopo che sopravvenne l’oligarchia, i Trenta, dopo aver convocato me come quinto (insieme ad altre quattro persone) nella Rotonda, ci ingiunsero di riportare da Salamina Leone di Salamina, per mandarlo a morte, e molti ordini simili quelli imposero a molta gente, dal momento che volevano riempire di accuse il maggior numero di persone. Allora ancora, non a parole, ma a fatti, dimostrai che della morte non mi importa, se non fosse un po’ troppo rude da dire, un bel niente, mentre assolutamente a me importa di questo, di non compiere nulla di ingiusto né di empio. Quel governo dunque, benchè fosse così potente, non mi spaventò al punto tale da compiere un’azione ingiusta, anzi, dopo che fummo usciti dalla Rotonda, gli altri quattro partirono per Salamina e ricondussero in città Leone, io invece me ne andai a casa.

Registrati via email