Trasmissione delle informazioni, tesina

Tesina per Istituto professionale dell' industria e artigianato (manutenzione e assistenza tecnica) sulla trasmissione delle informazioni. Argomenti tesina: teoria dei segnali, informazione e comunicazione, fibre ottiche.

Allegati
Questo appunto contiene 1 file allegato

Questo download è disponibile soltanto per gli utenti registrati.
Dimensione: 2114 kB, scaricato 0 volte

E io lo dico a Skuola.net

Introduzione Trasmissione delle informazioni, tesina

Questa tesina di maturità tratta della trasmissione delle informazioni. Il concetto di segnale, presente in moltissime discipline e campi applicativi, risulta fondamentale in diverse aree scientifiche e tecnologiche tra cui le telecomunicazioni.
La parola comunicazione indica la trasmissione di dati da un luogo a un altro attraverso un mezzo.
I segnali sono grandezze dipendenti da una o più variabili che contengono informazione riguardo lo stato di qualche fenomeno fisico, in generale variabile nel tempo e la cui natura può essere diversa: acustica, ottica, elettrica…
La rappresentazione dei segnali può essere effettuata in molti modi, ma l’informazione rimane sempre contenuta nelle variazioni di uno o più parametri che la definiscono: per esempio il segnale può essere costituito dalle variazioni di una grandezza nel tempo o nello spazio.
La trasmissione dell’informazione, sotto forma del segnale che la contiene, si effettua con un sistema di comunicazione il quale raccoglie l’informazione della sorgente e la invia al destinatario. I metodi e la capacità di elaborare o trasmettere informazioni per via automatica sono molto importanti per la nostra società.
Poiché la trasmissione coinvolge numerosi dispositivi, occorre individuare le caratteristiche principali dei segnali per stabilire dei riferimenti su cui basare le considerazioni relative alla trasformazioni che essi subiscono nel processo di trasmissione.
Matematicamente un segnale non è altro che una funzione, quindi è rappresentabile tramite una notazione del tipo y=f(x) dove:
y denota una variabile (dipendente) sui valori di una grandezza fisica, chimica (corrente, tensione, pressione, concentrazione di molecole) o altro;
x denota una o più variabili indipendenti, generalmente coordinate spaziali o temporali;
f denota la relazione funzionale che associa a ogni valore di y il corrispondente valore della grandezza fisica x.

Il segnale viene definito:

Monodimensionale se rappresenta la variazione di una grandezza rispetto a una variabile indipendente. Quando la variabile indipendente x è il tempo, si parla di segnale temporale f(t);
Bidimensionale se rappresenta la variazione di una grandezza rispetto a due variabili indipendenti.

Tesina monografica di Tecnologie elettrico - elettroniche, dell'automazione e delle applicazione: Teoria dei segnali, informazione e comunicazione, fibre ottiche.

Registrati via email
In evidenza