Dove si perde lo sguardo, tesina

Tesina maturità liceo scientifico sul lato oscuro dell'uomo. Argomenti tesina: i buchi neri, equazione di radiazione del corpo nero, Egon Schiele, la quantizzazione della carica.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 10
  • 06-07-2014
E io lo dico a Skuola.net

Introduzione Dove si perde lo sguardo, tesina

Questa tesina di maturità descrive il lato oscuro di ognuno di noi. La nascita della civiltà è caratterizzata dalla meravigliosa peculiarità dell’uomo di riuscire a tramandare i risultati delle proprie esperienze e creare così una cultura. Tale differenza con le altre specie viventi sul pianeta blu, legata al gene FOXP2 per la codifica del linguaggio, ha attribuito ad “homo sapiens” la capacità di accumulare, nel corso dei secoli, una quantità notevole di conoscenza che, connessa alle sue abilità manuali ed intellettuali, gli ha permesso di conquistare il pianeta. Tuttavia, quanto più importante diveniva tale bagaglio, tanto più attanagliante gli appariva
l’idea dell’infinità di concetti, elementi naturali e leggi a lui ignoti. La tesina intrapreso propone l’analisi di alcuni fenomeni naturali la cui scoperta e dimostrazione segna indelebilmente il corso degli eventi dal Ventesimo secolo in poi. In particolar modo, la scelta ricade su quest’ultimo periodo storico poiché, come è noto, nei primi anni del Novecento, l’uomo “occidentale” soleva ritenersi detentore di un sapere totale e non più lacunoso, finché alcune evidenze sperimentali dimostrarono l’inefficacia dei modelli fisici tradizionali e la limitatezza degli
strumenti di osservazione nel micro e macrocosmo. Inoltre, è necessario riferirsi ai due conflitti mondiali quali eventi distruttori della fiducia nella ragione: in particolare, la scelta ricade sull’effetto mistificatorio della realtà perpetuato mediante la propaganda, arma tra le più potenti dei regimi totalitari. Più specificatamente, il
percorso intrapreso si sofferma sul fascismo in Italia. Sfatato il mito dell’uomo perfetto e onnisciente, restava dunque da indagare, oltre che su quanto esistesse davvero al di fuori della sua persona, perfino su ciò che vi fosse di oscuro nello stesso individuo. E se alcuni pensatori di fine Ottocento, tra cui l’autore de “Il mondo come
volontà e rappresentazione”
, credevano nell’esistenza di forze esterne all’uomo e nel contempo totalizzanti, il Secolo Atomico vide la nascita della psicoanalisi, alla base di nuovi metodi d’indagine della complessità dell’essere umano. Inoltre si propone l’opinione di chi, come lo scrittore polacco Joseph Conrad, vedeva nell’essere umano
un innegabile “cuore di tenebra”, legato ad ambizioni, follia ed istinti ancestrali. A rafforzare tale idea pessimistica interviene la produzione artistica di Egon Schiele, tra i più vivaci esponenti dell’espressionismo austriaco. In antitesi, autori come l’italiano Giovanni Pascoli, in fuga da una realtà disumanizzante, ricorsero all’esistenza di un’innata bontà, di un “fanciullino” che abita il cuore di ogni uomo. A supportare il pensiero filantropico del poeta, come in un viaggio attraverso le epoche più lontane, compare la personalità di Sant’Agostino, tra i più brillanti sostenitori dell’uomo quale “sale della terra” e traccia divina nel mondo.
Personalmente, ritengo che sia di profondo interesse per l’uomo conoscere i tratti più oscuri del tutto e scoprire così il senso della propria esistenza nel raggiungimento di obiettivi comuni. Ritenendo l’uomo un animale complesso, mi auguro di poter studiare in futuro le leggi alla base della vita, applicando concretamente le mie conoscenze per il bene di ogni vivente: così, partendo da entità più semplici - ad esempio gli animali- cercherò di conoscere i meccanismi primi della loro esistenza, essendo essi legati, a mio avviso, gli uni agli altri, come parte di un unico organismo.
Sarà così possibile, inoltre, comprendere la maggior parte dei comportamenti umani, essendo l’uomo, a mio avviso, un’ulteriore parte del “tutto” testé citato il quale, in un’ottica prettamente cristiana, assume l’appellativo di “creato”, che ne sottolinea il legame con l’ “Amor che move il sole e l’altre stelle”.

Collegamenti

Dove si perde lo sguardo, tesina

Scienze-I buchi neri.
Matematica-Equazione di radiazione del corpo nero.
Fisica-La quantizzazione della carica.
Storia-La propaganda fascista.
Filosofia-Schopenhauer e Freud.
Storia dell'arte-Egon Schiele.
Inglese-Joseph Conrad.
Italiano-Giovanni Pascoli .
Latino-S. Agostino.

Registrati via email
In evidenza