Dimensione Onirica nel 900 tesina

Tesina di maturità multidisciplinare: Sigmund Freud, Luigi Pirandello, Svevo, James Joyce, Dalì, Lynch

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 10
  • 11-05-2015
E io lo dico a Skuola.net

Introduzione

In questa area di progetto affronteremo il tema del sogno considerando il ruolo che esso ha assunto nella storia della letteratura, dell’arte, dellascienza e del cinema specialmente nel corso del Novecento e in particolare in seguito all’invenzione dell’inconscio freudiano.
Il sogno ha suscitato nell’uomo grande interesse e curiosità fin dall’antichità; esso può costituire una fonte di ispirazione per progetti di ogni genere, incrementare l’ immaginazione, la fantasiae rappresentare anche un modo per evadere dalla realtà, rifugiandosi in un mondo parallelo distante da preoccupazioni e affanni caratterizzanti la vita reale.
Abbiamo scelto questo argomento perché troviamo affascinante il mistero che accompagna ogni sogno, il suo significato nascosto che rappresenta uno sguardo per capire meglio se stessi anche in rapporto alla situazione storico-sociale che si vive.
Sigmund Freud sostiene che lo studio dei sogni possa essere considerato come il metodo più sicuro per indagare sui processi psichici profondi e quindi afferma che noi siamo ciò che sogniamo.
Il sogno è infatti la produzione psichica che ha luogo durante il sonno ed è caratterizzata da emozioni, percezioni e pensieri relativi a persone, situazioni o oggetti generalmente vissuti dal sognatore come reali e solo più raramente accompagnati dalla consapevolezza della loro irrealtà. Ogni individuo passa un terzo della propria vita dormendo, stato che non è prerogativa della specie umana sebbene l'uomo sia il solo a porsene un interrogativo. In effetti, sin dai tempi antichi l'essere umano ha cominciato a chiedersi quale fosse il significato del sonno, dando risposte diverse nel corso dei tempi e ancor oggi molteplici. Esistono due correnti di opinione molto diffuse sul sonno. C'è chi vive la fase del sonno come una paralisi di tutte le attività e considera quindi il dormire come tempo irrimediabilmente perso. Queste persone adottano, nel migliore dei casi, un atteggiamento di rassegnazione e accettano tale periodo di inattività come un momento necessario per il recupero delle forze. Per chi invece crede di aver trovato un senso al fatto di dover dormire, il sonno costituisce un terreno sconosciuto e affascinante: è infatti sorprendente che la mente, durante il sonno, possa lavorare ed immaginare senza alcun intervento della volontà.
Per i primi, il fatto di dormire presuppone una disattivazione in quasi tutto l'organismo, una sospensione di ogni attività (compresa quella della coscienza), mentre per gli altri costituisce un’esperienza affascinante e misteriosa, la possibilità di addentrarsi in un mondo immaginario, fantastico, ma anche realissimo che informa sul presente e sul futuro con un linguaggio oscuro e di difficile, ma non impossibile interpretazione o meglio, per dirla analiticamente, decifratura. Abbiamo scelto come titolo del nostro progetto “la dimensione onirica”, cioè un “altrove”, un luogo che esiste dentro a ognuno di noi e che ri-velauna potenzialità folle di costruire una sorta di universo parallelo, in cui non esistono limiti né di tempo, né di spazio;una dimensione nella quale tutto appare possibile pur essendo impossibile, vero pur sembrando menzogna; una dimensione in cui l’essere umano supera la sua incompiutezza e può diventare quello che ha sempre desiderato essere.
Questa capacità è un dono che permette al soggetto di comprendersi nella sua divisione, di vivere due vite nello stesso tempo e in due dimensioni diverse, quella onirica e quella reale; è anche una invenzione che, specie a partire dalla psicoanalisi freudiana, ha interessato gran parte della produzione artistica, letteraria e scientifica del Novecento aprendo nuove vie alla ricerca e generando nuove scoperte che restituiscono un nuovo volto all’umano.

Indice

1. Sigmund Freud
1.1 Profilo biografico.
1.2 Dall’autobiografia: il sogno.
1.3 L’Interpretazione dei sogni e le due topiche della psicoanalisi.
2. Il sogno nella letteratura
2.1 LUIGI PIRANDELLO
2.1.1 Profilo biografico.
2.1.2 Dall’Umorismo: la poetica. 2.1.3Il berretto a sonagli.
2.2 ITALO SVEVO
2.2.1 Profilo biografico. 2.2.2 La poetica.
2.2.3La coscienza di Zeno.
2.3 JAMES JOYCE 2.3.1 Profilo biografico. 2.3.2Ulysses.
3. Il sogno nell’arte
3.1 SALVADOR DALÌ
3.1.1 Profilo biografico.
3.1.2Sogno provocato dal volo di un’ape attorno a una melograna un attimo prima del risveglio.
3.1.3La disintegrazione della persistenza della memoria.
4. Il sogno nel cinema
4.1 DAVID LYNCH
4.1.1 Profilo biografico.
4.1.2Tematiche.
4.1.3 Interpretazione di Mulholland Drive.
5. L’indeterminato nella scienza
5.1 La dimensione onirica nella scienza.
6. Conclusione

Registrati via email
In evidenza