Cosa chiedono all'orale di maturità i commissari esterni?

francesca_fortini
Di francesca_fortini

commissari esterni maturità: che domande possono fare?

Il count down alla maturità 2017 è già partito, i maturandi stanno già facendo i preparativi per l'esame di fine anno e i timori spaziano un po’ ovunque. Primo fra tutti il rapporto con i temuti e sconosciuti commissari esterni maturità. Qual è la paura peggiore? Le domande che potranno scaraventarsi sui candidati durante il colloquio. Se non si conosce il prof, figuriamoci se si possono prevedere le domande più frequenti. E allora ecco una pratica guida per sapere che cosa chiedono le
commissioni d'esame di maturità. La parola va alla professoressa Loredana Straccamore, docente di italiano e latino in uno degli storici licei scientifici di Roma, il Newton.

I commissari esterni scelgono le domande in autonomia


“Innanzitutto va precisato che le domande dell’orale di maturità sono autonome. Vale a dire che non vengono consigliate né concordate precedentemente. Partono dopo l’esposizione della tesina che, mediamente dura 10-15 minuti”.

Le domande all'esame orale sono legate al programma


Autonome, tutte le domande, ma comunque strettamente legate al programma presentato dai docenti interni. “Prima di dare inizio agli esami – spiega l’esperta – i commissari esterni analizzano il programma di studi della classe per sapere con precisione fin dove sono arrivati a studiare i maturandi. Le domande verteranno esclusivamente sul lavoro svolto in classe. Senza sorprese quindi”.

Quando i commissari esterni di maturità fanno una domanda inaspettata?


“Nessuno è lì per mettere in crisi i ragazzi. Piuttosto va detto che, se l’esposizione è fluida e il ragazzo mostra buone capacità di fare collegamenti interdisciplinari, difficilmente verrà interrotto. Altra cosa di fronte ai cosiddetti tentennamenti: il docente ferma l’esposizione per approfondire le conoscenze del candidato. Non per metterlo nei guai quanto piuttosto per capire fin dove sa, se si tratta di un blocco emotivo e se può ripartire con un aiuto”.

Se il colloquio orale viene interrotto dai commissari esterni


Anche in questo caso, i docenti sanno come aiutarvi. “Purtroppo – continua la Straccamore -può capitare che il ragazzo si blocchi preso dal panico e allora, come mi è già capitato, i prof possono decidere di sospendere l’orale e lasciare così al candidato 5 minuti per rigenerarsi, schiarirsi le idee e tornare in classe più calmo”. In quel caso, non abbiate timore di aver fatto una brutta figura: i prof lo stanno facendo proprio per venirvi incontro.


Lorena Loiacono

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv va in vacanza!

Anche la Skuola Tv prende un momento di pausa, ma non preoccuparti in autunno torneremo a farti compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta