I promessi Sposi

Il romanzo racconta le travagliate vicende di due giovani popolani, Renzo Tramaglino e Lucia Mondella, il cui matrimonio viene impedito da un prepotente signorotto locale invaghitosi di Lucia, Don Rodrigo. Dopo innumerevoli peripezie, che vedono Lucia catturata dall'Innominato e Renzo coinvolto in una sommossa popolare a Milano, i promessi sposi riusciranno alla fine a ricongiungersi e a celebrare le nozze. Il lieto fine dimostra l'esistenza di una "DIVINA PROVVIDENZA", che aiuta coloro che hanno fede e interviene a sostenere gli umili e gli indifesi.

Ambientazione

Il romanzo è ambientato tra Lecco e Milano, al tempo della dominazione spagnola: le vicende storiche che sono parte integrante della narrazione romanzesca prendono spunto da eventi realmente accaduti tra il 1628 e il 1630: la carestia e i tumulti popolari, la guerra del Monferrato e la discesa dei lanzichenecchi, la terribile epidemia di peste. La storia ufficiale non è quindi un semplice sfondo o cornice, ma è per molti aspetti protagonista perchè condiziona la vita di tutti. La scelta di ambientare il romanzo nel Seicento consente all'autore di mostrare una società ingiusta, fondata sul sopruso e sulla violenza, in cui le masse sono oppresse e i potenti agiscono spesso nell'illegalità. A questo modello di società corrotta Manzoni contrappone un ideale di giustizia, di equilibri sociale, di libertà individuale che rispecchia le sue convenzioni religiose e filosofiche: questi concetti morali vengono resi espliciti attraverso personaggi e vicende esemplari( il cardinale Borromeo, Padre Cristoforo, la conversione dell'Innominato).

Tra storia e invenzione

Il romanzo è ambientato nella Lombardia della prima metà del Seicento, al tempo della dominazione spagnola. Le vicende private di Renzo e Lucia si intrecciano agli eventi realmente accaduti in quel periodo: la carestia, la sommessa popolare di Milano, la guerra per la successione del ducato Ducato di Mantova, l'arrivo dei lanzichenecchi, la peste. Per spiegare questi eventi che condizionano l'intreccio del romanzo in quanto coinvolgono direttamente o indirettamente i protagonisti, l'autore interviene spesso nella narrazione con ampie digressioni, dalle quali emerge la sua costante attenzione al vero storico. A intessere il quadro dell'epoca si alternano nel romanzo, ma sempre con studiato equilibrio, fatti veri e fatti verosimili

Registrati via email