j'adore di j'adore
Ominide 50 punti

Fra Cristoforo

In seguito ad un’educazione degna di qualsiasi nobile,Lodovico non viene accettato da questi nella loro società e decide di conseguenza di schierarsi dalla parte dei poveri. Durante uno scontro contro un aristocratico,Cristoforo,un servitore a lui caro,viene ucciso,scatenando in Lodovico un profondo odio nei confronti dell’assassino che lo porta ad uccidere a sua volta l’uomo per mano del quale era morto il suo compagno. Spinto dai popolani che avevano assistito alla scena,ma che stimavano Lodovico per il suo coraggio e capivano il suo rimorso,va a rintanarsi nel convento dove i frati si prendono cura di lui e gli riportano il perdono che il nobile morente, aveva detto loro di annunciare. Questo gesto convince Lodovico a diventare frate (ambizione a cui aveva già aspirato per porre fine ai propri problemi quando decise di schierarsi dalla parte dei poveri).Ormai divenuto frate, Fra Cristoforo,vuole scusarsi con i familiari dell’amico morto per lui,a cui dona tutti i suoi averi e con i parenti dell’uomo che lui stesso aveva ucciso,per poi sentirsi davvero perdonato. Intraprende una nuova vita nella quale Fra Cristoforo continua ad aiutare le persone esponendosi a continui pericoli a causa del suo carattere forte che non riesce a sopprimere ma a controllare grazie alla sua forte fede religiosa.

Registrati via email