Descrizione dell'Innominato :E' descritto come un uomo grande, di carnagione bruna e dalla pelle rugosa, quasi
completamente calvo; i pochi capelli che gli rimangono sono bianchi. A prima vista gli si possono dare più dei sessanta
anni che effettivamente ha; ma il suo comportamento, i movimenti, la durezza dei suoi lineamenti, il lampeggiare
sinistro, ma vivo degli occhi indicano una forza del corpo e dell'animo che sarebbe straordinaria in un giovane.
Nei Promessi Sposi il ritratto è fisico e morale insieme: infatti, l'aggettivo "grande" si riferisce non solo all'altezza e alla robustezza, ma anche all'autorevolezza della persona. Altre caratteristiche sia fisiche che morali sono la durezza
riferita sia ai lineamenti che al suo comportamento, soprattutto quando descrive il "lampeggiare sinistro ma insieme
vivo degli occhi". Ma la chiave di lettura del ritratto è sottolineata dallo stesso Manzoni che attribuisce all'Innominato

una forza del corpo e dell'animo che fa dell'innominato una personalità straordinaria, fuori dal comune. Il suo
carattere è passionale, fatto di tensioni, di durezze, di complessi psicologici, segno delle sue insoddisfazioni e delle sue
aspirazioni non realizzate.
Quali sono le idee che sorgono nella mente dell’ innominato prima della conversione :Idea delle persone, idea della
morte, idea della vita
Frase con cui Lucia commuove l’Innominato : “Dio perdona tante cose per un’opera di misericordia”. Queste parole gli
donano una nuova speranza di salvezza, a cui giungerà attraverso la strada della fede.
Carattere : descrizione della sua abitazione, isolato in cima di una collina
Quella che ospita Lucia: prima la sarta, poi si offre una donna per bene, però aveva un modo strano del vedere il
giusto e vuole quindi cambiare l’idea di Lucia verso Renzo ( lo vedeva un poco di buono e di conseguenza anche Lucia )

Hai bisogno di aiuto in Personaggi Promessi Sposi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email