Mito 72506 punti

Relazione del libro Amici per sempre

TITOLO: Amici per sempre

AUTORI: Patrizia Vitagliano & Brunella Conte. Queste due scrittrici non sono molto famose ed è proprio per questo motivo che le notizie autobiografiche non abbondano.

GENERE: Questo libro lo possiamo definire una “raccolta di storie” in quanto narra storie inerenti all’amicizia.

PERIODO STORICO: Questo libro per quanto riguarda il periodo storico, possiamo assicurare che le sue storie partono dall’antichità per poi arrivare fino ai giorni nostri.

TRAMA: Il tema principale di questo libro è l’AMICIZIA. L’amicizia è, secondo me, il bene più prezioso che esista su questa terra, perciò non credo che possa esistere una persona che non abbia bisogno di una persona con cui confidarsi, di una spalla su cui piangere oppure una persona con cui condividere le gioie.

Alla base di un rapporto d’amicizia ci dovrebbero essere diversi valori che a parer mio, sono molto importanti fra cui ricordiamo la LEALTÀ, la FIDUCIA e non ultimo il RISPETTO RECIPROCO.
Io sono molto d’accordo con l’affermazione di Euripide (V secolo a.C.): “ É bene essere ricchi, ed è bene essere forti ma la cosa migliore è essere amata da tanti amici”.
Questo libro contiene storie come, per esempio, quella riguardante Achille, Patroclo e Ettore ma anche storie inventate, ambientate ai nostri giorni come, per esempio, “Un fantasma per amico” ed altre ancora.

PERSONAGGI PRINCIPALI: É un compito arduo descrivere i personaggi principali di questo libro, in quanto questo è, come ho detto prima “una raccolta di storie”. Tutto ciò che posso fare consiste nel fare un “confronto” inerente all’amicizia. In questo confronto possiamo appunto, “confrontare” il mutamento che ha avuto l’amicizia, o meglio gli AMICI.
Nella prima storia narrata e vale a dire quella riguardante Achille e Patroclo, il primo personaggio, aiuta l’amico “combattendo” in un duello con Ettore, un altro personaggio, proprio in suo onore.
Invece in una delle ultime storie intitolata “I ragazzi della V F “ quella riguardante una bambina di nome Francesca, l’amica Valentina l’aiuta “ascoltandola”, in altre parole capisce, proprio in questo modo, i problemi di Francesca e osserva la forza che aiuta quest’ultima a reagire.
Proprio in questo modo abbiamo fatto il confronto fra “amici di diverse età storiche”.
GIUDIZIO SUL LINGUAGGIO: Per ciò che concerne il linguaggio, possiamo affermare che quest’ultimo è stato un pò di difficile comprensione nelle prime storie, in quanto proprio queste sono le più antiche. Invece nelle ultime il linguaggio è stato di facile comprensione perché sono stati usati vocaboli a me conosciuti.

GIUDIZIO PERSONALE SUL LIBRO: Questo libro a me è sembrato molto interessante perché per raccontare le storie d’amicizia si è partiti da quelle più remote per arrivare a quelle più “conosciute”ai nostri tempi.

Registrati via email