Genius 7012 punti

“Il visconte dimezzato”

AUTORE: Italo Calvino
GENERE: romanzo
AMBIENTAZIONE: la guerra si svolge in Boemia. Il visconte però dopo l’incidente torna al suo paese Terralba. Le vicende si svolgono non solo a Terralba ma anche nei dintorni cioè Pratofungo e la collina degli Ugonotti.
TEMPO: si tratta della fine del 1600.
PERSONAGGI
Personaggi Principali:
Il visconte Medardo di Terralba: è il protagonista e per la maggior parte della storia è diviso a metà, la metà cattiva e quella buona. Quella cattiva era chiamata Medardo il Gramo mentre quella buona Medardo il Buono.Sono due figure opposte che esagerano nei loro comportamenti. Uno è troppo crudele l’altro è troppo gentile e altruista.
Il nipote del visconte: insieme al dottore è un bersaglio dello zio cattivo che tenta in ogni modo di ucciderlo.
Pamela: la pastorella di cui entrambe le metà s’innamorano e, infatti, grazie a lei si riuniscono. Una ragazza molto coraggiosa che, con la sua anatra e la sua capra, va a vivere nel bosco per scappare alle persecuzioni della metà cattiva e dei genitori che volevano convincerla a sposarsi.
Il dottor Trelawney: è un dottore che però sembra schifato da qualsiasi caso di malattia umana ma che, ad un certo punto, non si sa perché si interessa della situazione del visconte e così, incomincia a curare anche i malati del paese. Grazie a lui le due metà vengono “riattaccate” e Medardo torna uno solo.
Personaggi secondari:
Mastro Pietrochiodo: è un falegname molto abile nel costruire macchine a scopi mortali che gli vengono ordinate dal Gramo.
La Balia: una donna che ha cresciuto Medardo ma che da lui viene cacciata a Pratofungo.
Galateo: un lebbroso che tutti i giorni passa per il paese suonando un corno come avviso e raccoglie le offerte da portare ai suoi compagni lebbrosi di Pratofungo.
Gli Ugonotti: un gruppo di persone scappate dal proprio paese a causa della diversa religione. Vivono su una collina vicino a Terralba e sono un ottimo bersaglio delle malefatte del Gramo. E’ gente benestante che vende le terre ai contadini poveri ad alto prezzo per questo il Buono cerca di convincerli ad essere più generosi.

RIASSUNTO:
E’ la storia di un visconte che partecipa alla guerra tra Austria e Turchia. Il protagonista viene tagliato in due parti da una palla di cannone. Prende il via così la vita parallela delle due metà di Medardo. Inizialmente ritorna al paese solo il lato maligno, capace di terribili crudeltà: provoca la morte del padre, tenta di uccidere il nipote, condanna a morte decine di uomini solo per aumentare il numero dei fuochi fatui al cimitero. Successivamente fa ritorno al paese anche l’altra metà del visconte che si comporta in modo totalmente opposto: gentile, buono. I "due" protagonisti si innamorano della stessa donna, la pastorella Pamela e giungono così ad un duello che finirà con una ferita contemporanea proprio nel punto della precedente "divisione". Il dottore riuscirà a ricongiungere le due metà e a far tornare la pace nel paese.

NARRATORE: il narratore è interno, infatti, si tratta del nipote del visconte.
GIUDIZIO: questo libro non mi è piaciuto. L’ho trovato piuttosto noioso e “infinito” in certe descrizioni.

Registrati via email