Ominide 1864 punti

Scheda analisi testuale

Primo Levi – Il sistema periodico

L'autore
Primo Michele Levi è stato un partigiano, scrittore, chimico e poeta italiano. Nasce a Torino nel 1919, frequenta il Liceo classico Massimo d’Azeglio e successivamente l’Università di Torino in cui conseguì la laurea in chimica. Nel 1942 entra nel Partito d’Azione clandestino. Nel 1944 è deportato ad Auschwitz e quando vi fa miracolosamente ritorno si impegna per raccontare le atrocità naziste. Le sue opere più famose, oltre al Sistema periodico, sono Se questo è un uomo, La tregua, Se non ora, quando?, La chiave a stella e molti altri. Nel 1987 muore per una caduta dalle scale, forse un suicidio.

1)Argon

Trama
Levi paragona i suoi antenati all’argon, un gas nobile. Li definisce nobili e sfuggenti proprio come l’elemento. Utilizza sapientemente questo elemento per introdurre i costumi ebraici e la fusione con la cultura italiana, in particolare piemontese.

Personaggi
Varie eccentriche personalità della sua famiglia trattate brevemente con la stessa importanza (Barbaronìn, lo zio Gabriele (rabbino), Nona Bimba, Barbaricò, Nona Fina, Marchìn…)

2)Idrogeno

Trama
Ironico episodio in cui Primo ancora liceale si introduce nel laboratorio del fratello di un amico, Enrico, per svolgere esperimenti potenzialmente pericolosi. Dopo essersi cimentati nella lavorazione del vetro e nella preparazione dell’ossidulo di azoto o gas esilarante, Primo ed Enrico sperimentano l’elettrolisi dell’acqua. Enrico, dubbioso, offende Primo, il quale per dimostrare la sua ragione avvicina un fiammifero al barattolo, provocando un’esplosione che denota presenza di idrogeno.

Personaggi
-Primo: in questo capitolo scopriamo la sua curiosità, il suo impegno, il suo amore per la chimica, la sua intraprendenza, la sua indole di sognatore e la volontà di dimostrare qualcosa a coloro che lo circondano.
-Enrico: un compagno di classe di Primo. Quest’ultimo è affascinato dalle sue virtù di coraggio, tranquillità e testardaggine. Nonostante lo scarso rendimento scolastico e la poca attività, Enrico è un ragazzo capace di sentire il proprio futuro. Mai volgare, non si vanta delle sue capacità sportive e virili e non mente mai. Consapevole dei propri limiti, si dimostra piuttosto riservato e concreto, poco romantico. Per lui la chimica è una potenziale fonte di guadagno e stabilità di vita, al contrario di ciò che significa per Primo, una “nuvola indefinita di potenze future, che avvolgeva il suo avvenire in nere volute lacerate da bagliori di fuoco, simile a quella che occultava il monte Sinai”.

3)Zinco

Trama
Primo è all’Università e, durante una lezione del professor P., deve preparare il solfato di Zinco, compito che spetta anche a Rita. Primo cerca di parlarle e alla fine riesce a riaccompagnarla a casa.

Personaggi
-Primo: conosciamo per la prima volta la timidezza di Primo, la difficoltà di relazionarsi con le donne che verrà incrementata successivamente dalle leggi razziali.
-Professor P. : rigoroso, esibisce gli esami con ostentazione sdegnosa, con un bavaglino nero al posto della camicia fascista prescritta, disprezza l’umanità intera e gli studenti pigri e sciocchi. Un uomo vecchio, scettico ed ironico, antifascista, intelligente, ostinato ed arguto. A Primo sta simpatico.
-Caselli: assistente di P. che fornisce la materia prima ed è molto legato al professore.
-Rita: una ragazza pallida, magra, triste, sicura di sé, con un buon rendimento scolastico ma senza l’appetito che caratterizza Primo. Essendo restia ai contatti, sfida a frustra Primo, che è deciso a fare il primo passo, nonostante credesse in una sua perenne solitudine mascolina.

4)Ferro

Trama
Di ferro, facile e franco, sembra essere fatto Sandro Delmastro, compagno d’Università di Primo. Sandro e Primo si legano in un’amicizia solida e bellissima, dalla quale entrambi si arricchiscono l’uno degli insegnamenti dell’altro. Sandro ama la montagna e riesce a trasmettere questa passione a Primo, che è trascinato da Sandro in avventure riconcilianti e speciali. Sandro muore ucciso da un quindicenne arruolato dalla repubblica di Salò.

Personaggi
-Primo: conosciamo la capacità di Primo di amare, di tenersi un amico, di imparare dalle persone e di analizzarle con estrema precisione.
-Sandro: “Non era uomo da raccontare né da fargli monumenti, lui che dei monumenti rideva: stava tutto nelle azioni, e, finite quelle, di lui non resta nulla; nulla se non parole, appunto.” Un ragazzo magro ma muscoloso, di statura media, con grandi mani callose, un profilo ossuto e scabro, viso abbronzato, fronte bassa, capelli corti a spazzola. Isolato e riservato, d’estate fa il pastore di pecore. Non si vanta, anzi non ama le parole.

5)Potassio

Trama
Le prospettive di Primo sembrano svanire a causa delle leggi razziali, per ogni richiesta di lavoro o assistenza riceve un rifiuto. Tuttavia riesce a lavorare come chimico per “l’Assistente”, il direttore di un corso di fisica a cui Primo partecipa. Qui si dedica alla purificazione del benzene, prima tramite sodio, poi con il potassio, sostanza infiammabile.

Personaggi
-Primo: in questo capitolo troviamo un Primo scoraggiato, ma notiamo comunque la sua tenacia e la sua voglia di fare.
-L’Assistente: un uomo alto, magro, un po’ curvo, gentile e timido. Ha un sorriso ironico e impacciato.

6)Nichel

Trama
Un tenente del Regio Esercito offre un lavoro a Primo in una cava d’amianto. Il suo compito è estrarre quanto più nichel possibile. Trovato un metodo efficace, Primo lo abbandona per il costo eccessivo. Da cornice a questo capitolo fanno le persone che, mantenendo un certo distacco, circondano Primo e raccontano delle storie come quella del Signor Pistamiglio. Primo introduce i capitoli seguenti dicendo di aver scritto due “racconti minerali”.

Personaggi
-Primo: consapevole della situazione, Primo fatica ad avvicinarsi eccessivamente alle persone.
-Tenente: un giovane alto e magro, un messaggero dall’accento toscano, molto misterioso e ligio al suo dovere.

7)Piombo

Trama
Primo racconto minerale di Levi: un uomo della famiglia di cercatori di piombo Rodmund decide di utilizzare il denaro ricavato dalla vendita di un giacimento per viaggiare verso sud in cerca di pietre. Lungo il cammino scopre dell’esistenza dell’isola di Icnusa, su cui circolano varie dicerie riguardanti strani mostri che la abitano e ricchezza di metalli. Rodmund scopre che l’isola è veramente ricca di metalli, ma fortunatamente non c’è traccia di mostri. Fermatosi sull’isola, trova una cava di piombo che fa lavorare, ha un figlio e fonda un villaggio che avrebbe voluto chiamare Bak der Binnen, “Rio delle Alpi” ma che gli abitanti storpiano in “Bacu Abis”.

Personaggi
-Rodmund: uomo intraprendente e sicuro di sé, con esperienza e grandi abilità nella gestione del denaro e nell’identificazione dei minerali. Non perde tempo.

8)Mercurio

Trama
Secondo racconto minerale di Levi: il caporale Abrahams, sua moglie Maggie e una guarnigione vengono inviati sull’isola Desolazione per controllare che Napoleone non fugga da Sant’Elena e decidono di rimanere sull’isola. Arrivano due condannati alla forca olandesi, Willem e Hendrik e due naufraghi italiani, Gaetano di Amalfi e Andrea di Noli. I quattro si interessano alla moglie e suscitano l’odio di Abrahams. Il vulcano Snowdon erutta e i personaggi scoprono moltissimo mercurio e riescono a distillarlo, barattandolo con quattro donne che sposino i nuovi arrivati. Tuttavia si formano coppie diverse dalle aspettative: Hendrik è destinato a stare con Maggie, così Abrahams sposa una ragazza piccola e magra dagli occhi grigi, allegra e leggera, madre di due bambini; Gaetano sceglie una ragazza guercia, Willem una mulatta di mezza età, grassottella e con una cicatrice sulla fronte, mentre Andrea una nera elegante e graziosa sulla trentina, con un’aria equivoca, un boa di struzzo e un cappello di piume.


Personaggi
-Daniel K. Abrahams: uomo ragionevole, molto geloso, mirato e piuttosto furbo
-Maggie: donna misteriosa, tendente alla solitudine, a conoscenza di fatti oscuri.
-Hendrik: molto simile a Maggie, dimostra di essere in sintonia con lei e di conoscere le cose di cui parla.

9)Fosforo

Trama
Primo si licenzia dalle cave e un certo dottor Martini gli offre un lavoro in una fabbrica farmaceutica per trovare una cura per il diabete. Nonostante le obbiezioni di Primo, seguendo le affermazioni del Doktor Kerrn, il dottor Martini gli ordina di utilizzare l’acido fosforico dopo aver provato con gli antociani. Primo ritrova una compagna di università, Giulia. Primo si accorge di amarla e di non aver abbastanza coraggio per comunicarglielo solo quando la aiuta a sistemare le cose con il suo ragazzo. Tuttavia Giulia si sposa poco dopo, lasciando in Primo un rimorso, una sensazione che se si fossero messi insieme, le cose per entrambi sarebbero andate in modo diverso.

Personaggi
-Primo: troviamo di nuovo la timidezza e la difficoltà con le donne che abbiamo già incontrato nel capitolo “Zinco”, nonché il coraggio di obiettare caratteristico della giovane età.
-Giulia: una ragazza bruna, minuta, dalle sopracciglia eleganti, un viso liscio e aguzzo, movenze vivaci ma precise; piena di calore umano, cattolica ma non rigida, generosa, dalla voce velata e svagata ma non senza voglia di vivere, spigliata, indipendente e capace di giudicare le persone. Si avverte un tentativo di dare dei segnali a Primo, che tuttavia egli non raccoglie.

10)Oro

Trama
Primo vive a Milano con alcuni amici torinesi (Lina, Euge, Silvio, Vanda, Ettore e Ada). Essi vivono in una sorta di estraniazione dalla guerra, scrivendo poesie e parlando tra di loro, finché iniziano ad attivarsi: Primo entra tra i partigiani, ma viene catturato, interrogato ed imprigionato. Qui incontra un cercatore d’oro, che afferma di svolgere molti lavori, tra i quali il contrabbando, per cui è stato imprigionato.

Personaggi
-Primo: ci racconta una svolta morale avvenuta in lui; da una sorta di cappa costruita intorno a se stesso, Primo combatte con i partigiani.
-Prigioniero: dalle mani grosse, nodose, abbronzate, mai ferme; un po’ magro e curvo, capelli crespi, barba rasata male, grosso naso a becco, labbra sottili e occhi fuggitivi.

11)Cerio

Trama
Primo si trova ad Auschwitz e lavora come chimico nella fabbrica di gomma Buna. Racconta come per sopravvivere cerca di rubare qualsiasi cosa e, con l’aiuto dell’amico Alberto, vendono delle barrette di cerio che funzionano come una sorta di accendino. Alberto muore durante la marcia di ritorno.

Personaggi
-Primo: l’uomo di Auschwitz è un Primo a sé stante, vuoto, diverso, desideroso di vivere con qualsiasi mezzo purché non nuoccia ai compagni.
-Alberto: un uomo simile a Primo, disponibile ad aiutarlo.

12)Cromo

Trama
Primo pranza con alcuni amici e tutti raccontano storie passate. Tra questi, Bruni racconta di aver trovato, in una fabbrica di vernici, del cloruro d’ammonio tra gli ingredienti. Primo dice di averlo introdotto lui stesso quando, lavorando alla Duco, gli chiesero di recuperare delle vernici andate a male. Il problema era un grosso eccesso di cromo, rimediato, appunto, con il cloruro d’ammonio.

13)Zolfo

Trama
Il capitolo parla di Lanza, un uomo che lavora in una fabbrica. Il suo compito è svuotare lo zolfo quando una caldaia a pressione contenente appunto zolfo arriva alla temperatura di 200°C. Una notte Lanza sfiora il disastro rischiando di far esplodere la caldaia. Lanza esce dalla fabbrica in bicicletta desideroso di raccontare la storia con leggerezza.

Personaggi
-Lanza: personaggio non descritto esplicitamente da Primo. Si capisce che si tratta di un uomo calmo, pronto e preparato.

14)Titanio

Trama
Maria osserva un uomo che dipinge l’armadio di bianco. Scoperto che si tratta di titanio, Maria lo vorrebbe toccare, ma l’uomo traccia con il gesso un cerchio intorno a lei, dicendole di non uscire dal cerchio per nessun motivo. Maria non esce dal cerchio finché l’uomo non le dà il permesso. L’uomo si chiama Felice Fantino, a cui è dedicato il capitolo.

Personaggi
-Maria: una bambina curiosa e allegra, molto discreta e furba.
-Felice: impegnato a lavorare, simpatico e scherzoso.

15)Arsenico

Trama
Emilio e Primo ricevono clienti che chiedono di analizzare diverse sostanze. Si presenta un vecchio ciabattino con alcuni sospetti riguardanti un sacco di zucchero. Primo scopre che lo zucchero contiene arsenico e conferma i dubbi del ciabattino, sicuro che un giovane in concorrenza con lui avesse tentato di eliminarlo.

Personaggi
-Emilio: non descritto, comprendiamo che si tratta di un uomo intraprendente e convincente in quanto ha introdotto Primo a questo lavoro.
-Vecchio ciabattino: ha l’aspetto di un filosofo contadino, è robusto e rubicondo, con mani pesanti, deformate, con occhi chiari, mobili e giovanili, con grosse borse; parla piemontese, è furbo, accorto ed educato.

16)Azoto

Trama
Un altro cliente chiede consulenza a Primo: è il proprietario di una fabbrica di cosmetici che rischia di fallire a causa di un rossetto che dopo poco tempo si scioglie sopra le labbra di chi lo indossa. Primo scopre che il problema è la solubilità del pigmento utilizzato e che per rimediare servirebbe l’allossana, contenente azoto, ossigeno, idrogeno e carbonio. Per procurarla al proprietario, Primo cerca escrementi di galline e rettili, che ne sono molto ricchi. Tuttavia l’impresa si rivela praticamente impossibile, perciò Primo abbandona.

Personaggi
-Primo: ancora una volta notiamo la tenacia che caratterizza prima, che però qui presenta un limite dovuta all’inesperienza con la chimica organica.
-Moglie di Primo: si dimostra disponibile ad aiutare il marito.

17)Stagno

Trama
Primo ed Emilio continuano a lavorare nel laboratorio ricavato nella stanza da letto della casa dei genitori di Emilio. Fondono lo stagno, ma, nonostante i tentativi di trovare nuove idee, i guadagni non procedono bene. Si decide perciò di smantellare il laboratorio, con grande tristezza di Primo e sostanziale indifferenza di Emilio.

Personaggi
-Primo: come sempre molto romantico e legato a ciò che lo appassiona.
-Emilio: non si fa problemi a cambiare lavoro più volte, è pieno di idee e voglia di nuove situazioni.

18)Uranio

Trama
Primo lavora per il Servizio Assistenza Clienti e incontra Bonino per vendere i suoi prodotti. Interessato alle opere di Primo, il colloquio diventa un’occasione per Bonino di raccontare la sua storia passata riguardante i tedeschi e la Svizzera. Fuggito da una caserma, Bonino dice di aver incontrato alcuni tedeschi che gli chiesero indicazioni per la Svizzera e gli regalarono un pezzo di uranio come ringraziamento. Primo analizza il metallo e scopre che si tratta di cadmio.

Personaggi
-Primo: qui si presenta come ottimo ascoltatore e nuovamente capace di analizzare le persone.
-Bonino: secondo Primo è capace di costruirsi un passato proprio secondo i suoi desideri.

19)Argento

Trama
Primo riceve una lettera che lo invita a una cena per il venticinquesimo anno di laurea. Non è firmata, ma Primo ipotizza che arrivi da Cerrato, un vecchio collega. Alla cena, Primo comunica a Cerrato la volontà di scrivere un libro sul loro lavoro e di avere bisogno di storie. Così Cerrato gli racconta di quando lavorava al controllo del reparto dove si faceva la carta per le radiografie e su molti prodotti erano state trovati danni dovuti a qualche tipo di impurità. Il problema era il lavaggio delle tute, che avveniva con l’acqua del torrente, contaminata da bromuro d’argento.

Personaggi
-Cerrato: molto cambiato dal passato, alto, ossuto, olivastro, capelli folti, barba rasata bene, fronte, naso e mento pesanti, con gesti bruschi e incerti. Primo lo definisce un “inerte”: “Cerrato non si era proposto nulla, non si era esposto a nulla, era rimasto ben chiuso in casa, e certamente doveva essere rimasto abbarbicato agli anni “d’oro” degli studi perché tutti gli altri suoi anni erano stati di piombo”.

20)Vanadio

Trama
Primo lavora ancora in una fabbrica di vernici. Alcune vernici non asciugano, così Primo contatta l’industria tedesca da cui proviene la resina difettosa. Entra in contatto con il dottor Muller, che pensa sia lo stesso dottor Muller conosciuto ad Auschwitz. Questi gli consiglia di aggiungere il vanadio per rimediare e Primo gli manda una lettera chiedendogli l’identità. Confermati i suoi sospetti, i due fissano un incontro che non avverrà mai a causa della morte prematura del dottore.

Personaggi
-Dottor Muller: piuttosto chiuso, cerca di negare ciò che è successo durante la guerra, afferma di non essere mai stato a conoscenza di ciò che avveniva nei lager. Primo non si sente di odiarlo, ma nemmeno di amarlo. Dopotutto è un ex SA e Primo non crede di dover perdonare nessuno di loro.

21)Carbonio

Trama
Semplice storia inventata su un atomo di carbonio. Primo afferma che il carbonio è un elemento troppo generico per ricavarne un episodio preciso. Qualsiasi storia si inventi sul viaggio di un atomo di carbonio è veritiera. Primo ci dice che con questo libro intende raccontare una storia di un mestiere e delle sue sconfitte, vittorie e miserie; non un’autobiografia, né un trattato di chimica.

Registrati via email