piera di piera
Ominide 50 punti

Sciascia, Leonardo - Il lungo viaggio

Notizie sull’autore: Leonardo Sciascia nasce l’8 gennaio a Racalmuto e muore il 20 novembre a Palermo.famoso scrittore del panorame italiano i suoi racconti sono spesso una denuncia ai problemi politici e sociali del paese.

In questo racconto di Leonardo Sciascia, i protagonisti, un gruppo di siciliani, provenienti da paesi interni,lontani dal mare, decidono di andare in America a far fortuna.
Per questo motivo vendono tutti i loro averi al fine di pagare (“duecentocinquantamila lire: metà alla partenza, metà all’arrivo”) coloro che li avrebbero portati nel Nuovo Continente, dove abitavano anche loro parenti che erano partiti “morti di fame” e tornavano di tanto in tanto in Sicilia pieni di soldi.
Dopo undici giorni di viaggio su un piroscafo in condizioni molto precarie, il signor Melfa,colui che aveva il compito di portarli in America, lascia scendere gli uomini molto provati su una spiaggia dicendo loro che erano finalmente arrivati in America.

In seguito a una perlustrazione del luogo gli uomini si rendono conto di essere approdati su una costa della Sicilia.
Nel racconto fabula e intreccio corrispondono. È descritto sia il luogo sia il tempo della narrazione, ossia la Sicilia e in particolare le spiagge di Gela e Licata e per quanto riguarda i tempi si parla di una vicenda che si sviluppa nell’arco di undici giorni.
Il racconto affronta la problematica dello sfruttamento: le persone sfruttate sono poveri contadini abbagliati da una luce di speranza e di prospettive di ricchezza che vedono concretizzarsi nell’America.
Le persone che si fidano ciecamente di truffatori sono in questo caso persone appartenenti a umili ceti sociali.
Anche l’ignoranza è un aspetto molto importante del racconto; l’ignoranza che porta a fidarsi di tutto e basarsi su immaginari collettivi a cui affidare i propri beni anche se questi sono tutto il lavoro di una vita.

Registrati via email