Autore Julies Verne

Titolo Il giro del mondo in 80 giorni

Luogo e anno di pubblicazione Milano nel 1961

Luogo e anno di stampa Milano nel 1979

Genere Romanzo di Avventura

Trama In questo racconto fabula e intreccio coincidono, perché le vicende si svolgono seguendo un’ordine cronologico dall’inizio alla fine. Le sequenze sono per la maggior parte di tipo narrativo ma sono presenti anche sequenze dialogate, la struttura è semplice e le sequenze dialogate sono rese dal discorso diretto.
Phileas Fogg scommette che riuscirà a compiere il giro del mondo in 80 giorni. Una volta giunto in India, salva Auda, una donna destinata da un rito religioso a una morte atroce. Una volta giunto sulla costa atlantica salpa in Inghilterra. Appena sbarcato, però viene arrestato da un poliziotto che l’ha seguito in incognito durante tutta l’avventura. Appena chiarito l’equivoco, Fogg viene rilasciato e convinto di essere in ritardo, scopre che grazie hai fusi orari, ha in realtà guadagnato un giorno. Alla fine, dopo essere riuscito a compiere la sua impresa, si sposa con Auda. Spazio La vicenda si svolge in luoghi diversi, che sono principalmente aperti, cioè senza restrizioni; ha la funzione mimetica perché permette al lettore di immaginarsi il luogo descritto.

Tempo Le vicende si svolgono in più di 80 giorni. Il periodo storico a cui sono ambientate le vicende corrisponde alla prima metà dell’ottocento.

Personaggi I personaggi principali sono due: Phileas Fogg e Jean Passepartout.
* Phileas Fogg è un gentiluomo dell’alta società inglese.
Ha una quarantina d’anni, è piuttosto alto, con capelli biondi, fronte liscia senza rughe; è un uomo preciso puntuale e molto abitudinario. Durante il viaggio si trasforma in un’altra persona, accettando gli ostacoli che esso incontra.
* Jean è il domestico del protagonista, il suo soprannome è Passepartout, è un bravo ragazzo, una persona dolce e servizievole. È di corporatura robusta e muscolosa, di colorito scuro con labbra un po’ sporgenti e capelli ricci e scuri.

I personaggi secondari sono:
* i compagni di gioco, Auda e il polizioto Fix. I compagni di gioco sono coloro che partecipano alla scommessa fatta da Phileas, il loro ruolo è poco importante e servono soltanto all’inizio per far partire la narrazione.
* Auda è la moglie di un rajah deceduto, che dopo essere stata salvata da Fogg, diventerà a fine racconto sua moglie.

* Fix è il poliziotto che ha seguito Fogg durante la sua avventura giudicandolo in modo errato.

Narratore Il narratore è esterno, perché si limita a esporre e descrivere i fatti.

Stile Il lessico usato è semplice e molto scorrevole nella lettura.

Analisi del contesto storico culturale Il romanzo è ambientato nella prima metà dell’Ottocento, in un contesto storico culturale di divisione tra le classi sociali inglesi.

Tematiche del messaggio L’autore ci ha voluto trasmettere che è molto importante viaggiare per il mondo e non bisogna stare sempre nel proprio piccolo mondo, ma ampliare i propri orizzonti conoscendo gente nuova famigliarizzando con tutti, senza distinzioni di tipo razziale e pregiudizi di nessun tipo e che a questo mondo siamo tutti uguali.

Commento Giudizio motivato (invito alla lettura?) A me il libro è piaciuto, perché descrive bene i luoghi dove si svolge la vicenda, e sofferma la propria attenzione sui luoghi a lui più cari, e che quindi vuole mettere in risalto. È bello anche perché è un racconto a lieto fine che si conclude con la vittoria della scommessa e il matrtimonio del protagonista con la giovane indiana Auda.
Io questo libro, proprio per il suo lieto fine e anche perché contiene un lessico molto semplice ma appropriato lo consiglio caldamente a una lettura. Infatti tutti dovremmo leggerlo almeno una volta nella vita per capire che bisogna girare il mondo per conoscere gente, sconfiggere le proprie paure, anche se minime ma nella vita arriverà sempre un momento nel quale le si sconfigge per vivere meglio con noi stessi e con gli altri.

Passi o aspetti che ti hanno maggiormente colpito I passi del libro che mi hanno colpito maggiormente sono:la descrizione dell’idea di partire per un viaggio così rischioso, la descrizione del viaggio, la liberazione di Auda. La descrizione dell’idea di partire per un viaggio mi è piaciuta perché è sicuro di vincere la scomessa anche se sa che ci potranno essere degli imprevisti durante il viaggio.
La descrizione del viaggio mi è piaciuta perché è molto realistica, infatti, mentre leggevo mi immaginavo perfettamente la scena.
La liberazione di Auda è stata molto avventurosa, i personaggi hanno agito d’istinto, rischiando anche la propria vita per salvare una persona anche se non conoscevano, ma soltanto per bontà d’animo.

Registrati via email