Ominide 63 punti

Cose che nessuno sa

Genere : sentimentale
Sintesi:
Il libro racconta di Margherita, una ragazzina di prima liceo che vive insieme ai suoi genitori e al fratellino,Andrea e importante nella sua vita è anche la nonna,Teresa. Nel prologo Margherita è in barca con suo padre e gli dice tutto le sue paure per l’inizio della nuova scuola e lui le promette che tutto andrà bene. In realtà pochi giorni prima che la scuola cominci il padre, con un messaggio in segreteria abbandona la famiglia. Margherita entra in un dolore senza fine e addossa la fuga del padre alla madre. La scuola per lei è un disastro anche con l’aiuto di un’inaspettata amica,Marta e la sua strana famiglia. Margherita ha continui scontri con il professore di italiano un giovane uomo che ha paura di sposare la sua fidanzata e che si rifugia nei libri, a scuola insegna l’Odissea in modo appassionante coinvolgendo la classe. Margherita dopo aver letto il passo di Telemaco, il figlio che parte alla ricerca del padre, decide di partire e chiede aiuto al suo professore, che parlava sempre di grandi imprese e di dover affrontare tutto. In realtà il professore non crede a quello che dice cosi si rifiuta di aiutarla. Allora Margherita chiede aiuto a Fabio, un ragazzo orfano e ribelle conosciuto a scuola. Insieme partono per un lungo viaggio. I due si innamorano ma quando sono quasi arrivati fanno un incidente stradale per fuggire dalla polizia, visto che Fabio essendo minorenne non aveva la patente. Fabio si fa male alla schiena e Margherita entra in coma. Tutti si riuniscono al suo letto d’ospedale, anche il padre che chiede perdono alla figlia e alla moglie e il professore che finalmente ha capito che non ha senso leggere i libri senza riportarne gli esempi nella vita reale,decidendo di sposare la sua fidanzata. La madre perdona il padre e dopo pochi giorni Margherita si risveglia. L’epilogo racconta di Margherita che dopo cinque va con Andrea, diventato un ragazzino silenzioso che si esprime attraverso i disegni e i genitori, tornati insieme, alla casa siciliana della nonna, ormai morta. Li lei legge la lettera di sua nonna che gli svela il suo più grande segreto. Nell’ultima scena c’è Fabio che abbraccia Margherita.

Osservazioni: il narratore è esterno che in alcuni capitoli si focalizza sui personaggi facendoli parlare in prima persona. L’intreccio segue un ordine cronologico e i flashback si trovano solo nelle parti discorsive e riflessive dei personaggi.
Personaggi Principali:
Margherita: ragazza di prima liceo infelice per l’abbandono del padre parte alla sua ricerca.
Andrea: fratellino di Margherita, si esprime attraverso i disegni.
Teresa: nonna di Margherita che aiuta i suoi nipotini con la cucina.
Eleonora: Madre di Margherita, infelice per l’abbandono del padre e per l’odio che ha la figlia per lei.
Fabio: Ragazzo orfano e ribelle s’innamora di Margherita al primo sguardo.
Prof: Professore di italiano che non riesce a seguire quello che i tanti libri che legge esprimono.
Temi:
1. I sentimenti sono uno dei temi del romanzo, infatti ci sono molti momenti di dolore, di amore e di odio che spingono i personaggi nelle loro azioni. Come l’abbandono del padre per Margherita o l’amore del prof per la sua fidanzata. I sentimenti ti spingono a fare cose mai pensate che ti portano al limite, ma ti possono anche aiutare, ti possono far capire quello di cui hai bisogno.
2. La scuola, che è il luogo dove Margherita incontra il suo grande amore e la sua più grande amica doveDovepire quello di cui abbiamoose che mai pensate, ti portano al limite, ma ti possono anche aiutare, possono far capire quell conosce l’Odissea che la ispira a partire in cerca di suo padre. La scuola è vista come un luogo che fa rinascere, che ti fa fare nuove esperienze e che ti fa conoscere le persone che potrebbero essere quelle più importanti della tua vita.
3)La cucina che è il modo in cui la nonna vuol far sparire tutti i pensieri dolorosi, è cosi che intrattiene sempre i suoi nipotini. La cucina è vista come un passatempo rilassante dove ci vuole amore e cura, un momento in cui le persone si possono riunire e quando il pasto è pronto assaggiarlo tutti insieme, un modo per fare del bene alle persone che lo mangeranno e che avranno qualcosa dove hai messo il cuore.
4) I libri che a mio parere sono il tema principale, infatti è proprio l’Odissea che spinge Margherita a partire e sono i libri il problema del professore perché continua a leggerli ma non a prenderne esempio per la vita reale, una delle frasi più belle che riguardano i libri è questa: <La letteratura lo costringeva a origliare se stesso,come se dentro di lui ci fosse una porta dietro la quale qualcuno bisbigliava segreti che lo riguardavano. La letteratura ti costringe a dare del tu ai tuoi pensieri e a scoprire se sono veramente tuoi.>
Commento: Io credo che questo sia uno dei libri più belli che abbia mai letto, non perché la storia sia interessante o avvincente, anzi l’ho trovato inverosimile, ma per i discorsi e le riflessioni dei personaggi anche nelle piccole cose. Mi hanno emozionato i discordi di Andrea, infatti è il personaggio che mi ha colpito di più. mi hanno colpito le riflessioni suoi libri che il prof diceva, di lui mi è piaciuta soprattutto la strana stanza formata da soli libri, penso sia la stanza meglio arredata che abbia mai “visto”. I discorsi di Marta mi hanno fatta divertire, il suo modo di esprimere mi faceva venir voglia di averla come amica e di chiederle di farmi sentire anche a me la vita che scorre dentro ad un albero, quando l’ho letto volevo toccarne uno e sentirne il suo cuore. Il personaggio che mi è piaciuto meno,invece è Fabio, le sue parti nel libro non mi colpivano,non mi piaceva e non lo sentivo reale.
Infine posso dire che la mia parte preferita è quando Andrea racconta alla sorella della paura e vuole fuggire ai mostri abbracciandola, il loro dialogo è divertente e triste nello stesso momento veramente commovente.

Registrati via email