G.iusi di G.iusi
Ominide 190 punti

Naufragio di Ulisse- Baricco


Il testo presenta una serie di sfumature di toni, molte similitudini per rendere più precisa e dettagliata la descrizione. Vi sono diverse avventure in mare di Odisseo ma la più importante è il naufragio verso l'isola Ischeria dove Poseidone, con il suo tridente dà l'avvio alla tempesta in quanto non vuole che la navigazione di Odisseo vada a buon fine. Ulisse si scontra con degli scogli, perde anche pezzi di pelle tuttavia, anche se stremato, riesce a salvarsi e arriva, così come Robinson Cruoe, nuotando, alla riva e ricostruisce la sua dimenensione dandosi un'altra possibilità. Infine Ulisse si commuove ascoltando il canto delle sue avventure da parte di un cantore ed è costretto a rivelare la sua identità. E' un eroe moderno, non più antico, perchè si mette in gioco ed in discussione per darsi un'altra possibilità e non è un perenne vincitore.
Baricco riprende il canto di Demadogo e lo inserisce nella nuova scrittura teatrale dell'Illiade che pubblica nel 900. Egli sostiene, infatti, che sia giusto che i lettori sappiano come si svolge la storia del cavallo di Troia.
Sebbene non siamo stati abituati alle ristampe e alle riscritture di testi antichi, l'opera di Baricco è singolare e necessita di essere letta e conosciuta, anche solo per personale arricchimento del bagaglio culturale.
Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email