Ominide 817 punti

Il mastino dei Baskerville

Trama:
Il primo vero indizio sulla morte di Sir Charles fu il ritratto della famiglia Baskerville, ritraeva un uomo che dopo varie indagini si era scoperto che era sposato e aveva un figlio con il nome del padre. Lui seppe che c’ era una gradevole somma da ereditare alla morte di Sir Charles, così cambiò nome in Vandlertor, poi fondò una scuola e ritenne opportuno cambiare il nome in Stepleton quando la scuola fallì. Seppe che fra lui e l’ eredità c’erano solamente 2 vite così sapendo dal dottore di Sir Charles, il dottor Mortimer, che soffriva di attacchi cardiaci, era superstizioso e credeva alla leggenda dei Baskerville, così acquistò un cane selvaggio a Londra e spacciò sua moglie per sua sorella. Nascose il cane nella brughiera e al momento buono, fece inseguire Sir Charles dal cane che poi cadendo a terra morto per attacco cardiaco, allontana il cane che si accorge annusandolo che è morto; rimangono solamente le sue impronte. Poi parte per il Canada, perchè vuole uccidere Sir Henry, costringendo sua moglie ad avere delle relazioni con lui, ma come ogni marito è geloso. Sua moglie però sospetta di qualcosa e poi scopre il piano del marito. Così suo marito la rinchiude, lei scrive un biglietto a Ser Henry per avvertirlo del pericolo che sta correndo ritagliando delle lettere. Nel frattempo il cane era ancora nella brughiera, lasciato alle cure di Anthony, un amico di famiglia Stepleton, che non sospetta minimamente chi possa essere il mastino. Intanto Stepleton deve ritornare, perché è arrivato Watson e Sherlock Holmes che devono indagare. Ma non era così, perché lui faceva credere che non era in Inghilterra. Così trova il mastino. Sente il profumo di gelsomino bianco nel biglietto della moglie di Stepleton per sir Henry. La moglie però ha recitato una parte, suo marito, aveva nascosto il cane nella casetta degli attrezzi in modo che anche sir Henry sarebbe morto, però scopre del cane e si arrabbia, così la chiude in camera. Lui sapeva che se lo avrebbe ucciso, sarebbe anche riuscito a far accettare alla moglie come stavano le cose e a far mantenere il silenzio a sua moglie. Per mettere le mani sull’eredità sarebbe stato facile, o si sarebbe travestito o si faceva mandare i soldi in Inghilterra oppure una persona l’ avrebbe reclamata per lui.

PERSONAGGI:
-Sherlock Holmes investigatore e protagonista del libro. Vive a Londra con il Dott. Watson in un appartamento a Baker Street;
-Dottor Watson è un medico in pensione che aiuta Sherlock Holmes nelle indagini;
-Dottor Mortimer è il medico curante di Sir Henry e amico e medico del baronetto;
-Signor Stepleton è un uomo di cultura e affascinato delle scienze, sua moglie è Berly, colei che la tradisce.
-Signori Barrymore sono i domestici di Sir Charles, i primi sospettati:
-Sir Charles, ucciso
-Selden è un parente della signora Barrymore condannato a morte scappa dal carcere e la signora è pronto a soccorrerlo.
Cosa mi ha suscitato: “il mastino dei Baskerville” è un romanzo molto avvincente , interessante, scorrevole e piacevole da leggere. Il finale ti lascia a bocca aperta perché non te lo aspetteresti mai che Stepleton è l’assassino, è imprevedibile.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email