Mito 72506 punti

Relazione sul libro "Il Piccolo Lord"

Autrice: Frances Eliza Burnett
Anno di pubblicazione : 1886
Genere:Romanzo sociale-psicologico per ragazzi

É la storia di un bambino di nome Cedric che rimase orfano quando era piccolo.
Suo padre era il figlio minore del Conte di Dorincourt, il quale non aveva mai approvato la decisione del figlio di sposare una ragazza americana, pur non avendola mai vista.
Cedric aveva un grande amico di nome Mr Hobbs, un droghiere che svegliò nel bambino la passione per la politica.
Aveva anche un amico lustrascarpe di nome Dick, al quale Cedric voleva un gran bene.
Successivamente l’avvocato di Doricourt, Mr Havisham, dette alla madre di Cedric la notizia che suo figlio sarebbe stato il futuro erede dell’immensa fortuna, posseduta dal Conte.
Quando Cedric seppe questa notizia rimase stupefatto e, nello stesso tempo, dispiaciuto a causa dell’odio e del disprezzo che Mr Hobbs provava per i conti e in generale per l’aristocrazia inglese e proprio per questo temeva di perdere il suo affetto e la sua stima.

Si sentiva molto a disagio raccontando al suo amico che sarebbe stato un Lord.
Mr Hobbs rimase molto meravigliato, si rassicurò dopo aver ascoltato la promessa di Cedric, in quanto quest’ultimo promise al suo amico che, in futuro, sarebbe stato un conte buono e generoso.
L’avvocato, sotto gli ordini del Conte, consegnò del denaro a Cedric che lo utilizzò per il bene delle persone che lo circondavano.
Quando Cedric stava per partire per raggiungere l’Inghilterra dette ai suoi due amici dei ricordi per non farsi più dimenticare.
Arrivato in Inghilterra, Cedric fu accompagnato nel Castello di Doricourt.
Il Conte aveva un opinione sulla popolazione americana: pensava che fosse rozza e maleducata. Ma quando vide Cedric si ricredette perché quest’ultimo aveva un atteggiamento grazioso ed era simpatico anche nei confronti del nonno.
Dopo un po’ di tempo che Cedric viveva con il nonno, quest’ultimo si rese conto del fatto di non poter più vivere senza suo nipote.
La mamma di Cedric, intanto, viveva nel Castello di Court Lodge e impegnava il suo tempo dando ai poveri del villaggio un minimo d’istruzione e insegnamenti religiosi.
Successivamente Mr Havisham portò una cattiva notizia al Castello, cioè quella che Cedric non sarebbe stato più il futuro Conte di Doricourt. Ma questa carica sarebbe stata assegnata al presunto figlio di Bevis, figlio maggiore del Conte; per questo i suoi due amici americani si preoccuparono del suo futuro.
In seguito si scoprì che la sedicente Mrs Erroll e suo figlio erano solo dei maleducati ed imbroglioni e che Benjamin, il fratello di Dick, era marito di questa donna, di nome Minna; alla fine questa faccenda si svolse per il meglio.
Dopo quest avvenimento Cedric ritornò ad essere conte e il nonno dette la notizia alla sua odiata nuora, andando al Castello di Court Lodge, chiedendo indirettamente a Mrs Erroll di iniziare a vivere a Dorincourt con suo figlio.
Il giorno del compleanno di Cedric c’era molta gente, fra cui Mr Hobbs.
Così quest’ ultimo ebbe modo di ricredersi sull’ aristocrazia inglese e decise di aprire una bottega nel villaggio del castello per stare con Cedric.
Questa è la trama del libro, ma leggendolo abbiamo capito il carattere di alcuni personaggi.
Cedric era un bambino che era diventato grande e maturo più velocemente rispetto agli altri bambini poiché, come abbiamo raccontato prima nella trama, era rimasto orfano di padre, quando era ancora molto piccolo.Quindi il protagonista ha un carattere molto generoso, simpatico e intrapendente.La sua generosità la possiamo notare in uno dei primi capitoli, quando Cedric sta per partire per l’Inghilterra e con i soldi donatogli dal nonno pensa di aiutare le persone in difficoltà, come la vecchina che vendeva la frutta nel Central Park.
Questa generosità era dovuta al fatto che Cedric era stato educato da un cuore dolce, affettuoso e gentile (la mamma) che gli aveva insegnato ad amare tutto ciò che è onesto.
Invece il Conte di Dorincourt, prima di incontrare Cedric, era un lupo solitario. La gente sapeva che appena uno dei suoi tre figli si ammalava lui preparava la valigia e......... se ne andava a divertirsi, quindi possiamo dire che era un uomo nella cui vita aveva pensato solo a divertirsi. Dopo l’ arrivo di Cedric il suo carattere subì un radicale cambiamento.
In quanto a Mr Hobbs possiamo dedurre, dalla lettura del libro, che il droghiere ha un carattere buono e gentile solo che, all’ inizio della storia quando si parlava di aristocrazia inglese, andava su tutte le furie.
Però voleva un gran bene a Cedric e, quando quest’ ultimo aveva bisogno di lui, Mr Hobbs era sempre pronto a porgergli la mano.
Per quanto riguarda il linguaggio di questo libro possiamo affermare che è molto semplice privo di idiomi particolari ma contenente alcuni arcaismi, come per esempio balocco, giuocattolo ecc.
Per me questo libro suscita un’emozione particolare in quanto, nel capitolo X, mi fa capire le varie differenze tra le classi sociali esistenti in quel tenpo, dai contadini che vivevano in condizioni misere, ammucchiati in case brutte da sembrare canili, allo splendore dei vari castelli posseduti dal Conte.
Secondo me, questo libro riscuote successo tra i ragazzi perché suscita in noi molta curiosità ed interesse per le varie vicissitudini del protagonista, un bambino di sette anni cresciuto troppo in fretta per problemi di famiglia.

Registrati via email