Ominide 100 punti

Scheda de "Un ragazzo"

Titolo: Un ragazzo
Autore: Nick Hornby, è nato nel 1957 e vive a Londra con la moglie e il figlio. Dopo aver esercitato la professione di insegnante, si è dedicato interamente alla scrittura e collabora con le più prestigiose pagine letterarie inglesi.
Genere: Romanzo
Tempo: Le vicende si svolgono tra la fine del 1993 e l'inizio del 1994
Ambiente: I fatti narrati si svolgono interamente a Londra e i luoghi sono poco descritti

Protagonisti

I protagonisti del racconto sono due: Marcus e Will Freeman.
Marcus: dodicenne che vuole farsi accettare, figlio di genitori separati (Fiona e Clive). È strano, parla da solo, canta canzoni fuori moda, non conosce i Nirvana, non si intende di calcio ed è tormentato dai compagni di scuola. È cresciuto tra le canzoni di Joni Mitchell e gli ideali controcorrente degli hippy e ciò lo ha reso una persona molto sensibile.
Will Freeman: ha un cognome simbolico ed è un trentaseienne con caratteristiche ed interessi da ragazzo. Pur non essendo ricco, vive bene con i diritti di autore di una canzone natalizia per bambini che il padre, aspirante musicista serio, gli ha lasciato. Riempie la sua vita con il corteggiamento delle donne ed è un single convinto.

Personaggi secondari

Fiona Brewer: madre di Marcus, separata dal marito, vuole crescere suo figlio nel rispetto dei valori in cui crede, lavora come musicoterapista, è una liberal-hippy, spesso depressa.
Christine: amica di Will, neo mamma, vuole che Will sia il padrino del secondo figlio.
Tom: volontario di Amnesty International, collega di Will in uno dei suoi tentativi di riempire la vita con qualcosa di positivo.
John: marito di Christine.
Angie: prima fiamma di Will e prima donna con figli con cui lui si mette.
Suzie: amica di Fiona, conosciuta nella organizzazione GASS.
Clive: padre di Marcus, lavora nei servizi sociali a Cambridge.
Lindsay: fidanzata del padre di Marcus.
Rachel: nuovo amore di Will.
Alistair (Ali): figlio dodicenne di Rachel, inizialmente scorbutico e pazzo.
Ellie: amica di scuola di cui Marcus si innamora, grande fan dei Nirvana e di Kurt Cobain.
Zoe: amica di Ellie

Sintesi

Il romanzo "un ragazzo" narra inizialmente di 2 vite completamente scollegate fra loro, che finiranno poi per incrociarsi.
Tutto ciò avviene perché Will, trentaseienne egoista, disoccupato, che vive di una rendita lasciatagli dal padre grazie ad una canzone natalizia, con una mentalità da adolescente, decide di frequentare il GASS, un'associazione per genitori single; lui si iscrive per il semplice fatto che si rende conto che le mamme single sono dei bersagli facili.
Decide così di inventarsi un figlio di nome Ned; in quest'associazione fece un incontro molto importante che gli cambiò la vita: un dodicenne di nome Marcus con una mentalità adulta, che spesso e volentieri veniva preso in giro dai compagni di scuola perché era "diverso": cantava canzoni fuori moda e vestiva fuori moda.
Egli era un ragazzino piuttosto strano anche per colpa della madre Fiona, un'hippy depressa che provò a suicidarsi inghiottendo un flacone di pillole. Will, senza accorgersi di nulla, diventerà come una sorta di padre-fratello per Marcus perché, a differenza della madre, sa capire i suoi problemi famigliari e scolastici.
Will frequentando questo ragazzino avrà un'altra concezione della vita: gli ha fatto capire che non è poi così male prendersi cura di qualcuno e Marcus capisce che è meglio essere in tanti in "famiglia" perché non si è mai soli.
Intanto Will conosce una ragazza madre di nome Rachel; con lei, Will sarà meno bugiardo e si impegnerà per fare continuare al meglio questa storia.
Marcus nel frattempo, con l'aiuto di Will, diventerà un dodicenne comune, alla moda, con molti più amici, tra cui una ragazzina più grande di tre anni di nome Ellie di cui s'innamora e con cui passerà parecchi guai.

Narratore: il narratore è esterno perché racconta in terza persona e rimane fuori dalla storia.
Fabula e intreccio: fabula e intreccio coincidono perché i fatti narrati sono in ordine logico e cronologico, senza anticipazioni.

Messaggio

Il romanzo è incentrato sul tema della maturità e vuole farci capire quanto è piacevole rimanere in quello stato di sospensione nel quale è possibile essere ancora considerato "un ragazzo" (anche se si dovrebbe parlare di un uomo) e quanto, viceversa, è difficile farsi chiamare "ragazzo" quando ci si affaccia all'adolescenza e tutto il mondo sembra seguire regole oscure e incomprensibili.

Stile

Le vicende dei due protagonisti e i loro percorsi interiori sono descritti con uno stile brillante e ironico. Il linguaggio è colloquiale, sono presenti molti discorsi diretti ed è privo di lunghe descrizioni ma con molte riflessioni.

Commento

Ho trovato il libro molto interessante; ciò che mi ha colpito di più sono l'assoluta mancanza di malizia di Marcus, che quindi prende tutto alla lettera, con sicuro effetto comico, e la singolarità di Will. Mi piace parecchio il modo di scrivere di Hornby che è sarcastico, divertente, scanzonato, maniacale e soprattutto onesto. Ha la capacità di farti immedesimare subito nel protagonista. La sua bravura sta nel presentare personaggi speciali, "schizzati", particolari. Secondo me, ridurli alla normalità non è una vittoria, ma una sconfitta e perciò quest'allegro finale lascia in questo caso una sensazione di tristezza.

Registrati via email