Ominide 50 punti

Libro Fahrenheit 451 (3)

romanzo Fahrenheit 451

Fahrenheit 451

è un romanzo scritto da Ray Bradbury nel 1951. La casa editrice è la Mondadori.

Presentazione

Ray Bradbury è nato a Waukegan il 22agosto 1920. È uno scrittore statunitense, innovatore del genere fantascientifico; nella sua carriera è stato anche sceneggiatore cinematografico.
Nel 1934 si trasferisce in California, dove scopre il mondo della fantascienza, tanto da iniziare a scrivere alcuni racconti sulle riviste del settore. Tra le sue prime opere si contano anche dei racconti polizieschi. Nel 1950 raccoglie in un unico volume le sue Cronache marziane, che ottengono così un vasto successo internazionale.
L'anno successivo segue il capolavoro per cui è maggiormente ricordato, Fahrenheit 451, una sorta di elogio alla lettura, che diventerà anche un film omonimo di successo. Negli anni successivi intraprende la carriera di sceneggiatore cinematografico, iniziata con il Moby Dick di John Huston, senza però dimenticare la sua carriera di romanziere. Si ricordano infatti "Il grande mondo laggiù", "Io canto il corpo elettrico!", "Paese d'Ottobre", "Il popolo dell'autunno", "Viaggiatore del Tempo", l'ambizioso giallo "Morte a Venice" e il più leggero "Il cimitero dei folli" e "Le auree mele del sole".

Ambientazione

il racconto Fahrenheit 451 è ambientato in un futuro immaginario. un mondo in cui la società è totalmente diversa sia da quella degli anni '50 (quando è stato scritto il libro Fahrenheit 451), sia da quella di oggi. È ambientato principalmente in una città immaginaria, probabilmente negli USA infatti la moneta è il dollaro e si parla in alcuni punti della vicina città di St. Louis.

Trama

Guy Montag, il protagonista del romanzo, è un incendiario. Il suo lavoro consiste nell'arrestare le persone che possiedono libri, considerati illegali in quell'epoca, e bruciare la loro casa e i volumi stessi. Inizialmente è molto soddisfatto del suo lavoro, ma poi la sua vita è sconvolta dall'incontro con una ragazza, Clarisse Mc Clellan. Ella fa riflettere Montag sul fatto che la società di quel tempo non consente agli uomini di avere opinioni personali, e cresce individui senza identità e sentimenti. Incuriosito, Montag ruba alcuni volumi che dovrebbe bruciare e li nasconde a casa. Poco dopo accade un episodio che fa nascere in Montag il bisogno di leggere quei libri: una sera, una signora anziana preferisce morire piuttosto di vedere i suoi libri bruciare.

Dopo questo episodio, Montag lascia il lavoro. Beatty,il capitano dei pompieri, decide quindi di parlare con lui. Gli spiega che i libri non danno la felicità e non sono la soluzione ai problemi della vita e lo incita a vivere nel divertimento, cioè condurre una vita superficiale. Montag non è d'accordo e decide di leggere i libri assieme a Mildred, sua moglie, che però è totalmente indifferente ai pensieri che turbano il marito e quindi asseconda la teoria di Beatty.
Montag, deciso a mantenere l'integrità dei libri, contatta Faber, un vecchio professore conosciuto in un parco l'anno precedente che decide ai aiutarlo. Consegna a Montag un oggetto da inserire nell'orecchio, che tiene in contatto a distanza i due. Inoltre Faber decide di contattare un ex-tipografo che può ristampare alcuni libri prima che siano bruciati. La sera stessa Montag legge un libro in presenza delle amiche di Mildred. esse rimangono scandalizzate e lui le insulta.
Successivamente Montag torna al lavoro e scopre che la casa da bruciar quella sera è proprio la sua. Si trova costretto a darle fuoco e dopo preso dalla rabbia uccide Beatty e riesce a fuggire a casa di Faber.
Lì i due decidono di rincontrarsi dieci giorni dopo a St.Louis. Con la polizia alle calcagna, Montag fugge verso il fiume fino a quando si rifugia in un accampamento di ribelli, come lui, seminando la polizia. Nel campo conosce ex professori e scienziati, ognuno dei quali ricorda a memoria un libro, per tramandarne il contenuto. Il libro finisce con lo scoppio della guerra, che rade al suolo la città.

Personaggi

Guy Montag è il protagonista del racconto Fahrenheit 451, noto anche come Farenheit 451. è un uomo trentenne, da dieci anni nel corpo dei militi del fuoco. La sua vita è normale, fino a quando conosce Clarisse che gli mostra un modo diverso e libero di vedere le cose e vede una donna anziana che preferisce morire bruciata con i suoi libri piuttosto che salvarsi. Decide di cambiare vita, così scappa dalla città dove conosce intellettuali che sono scappati come lui, conservandosi un libro.
Mildred è la moglie di Montag. E' una donna apatica, amorfa, “ipnotizzata” dai mass-media: passa infatti le giornate nel salotto a seguire i mass-media. è lei ke denuncia il marito per detenzione di libri.
Clarisse è la nuova vicina di casa di Montag, una “pazza” diciassettenne a cui piace conoscere la gente ed osservarla. È decisiva per il cambiamento della vita di Montag, perché lo vede infelice. Ad un certo punto Clarisse scompare, probabilmente uccisa dal Governo perché diversa dalle persone di quella società.
Faber è un vecchio professore universitario che è stato costretto a lasciare il suo lavoro. Aiuta Montag a capirei libri e a fuggire dalla polizia. Si definisce “vigliacco” perché non ha agito per salvare i libri quando ne ha avuto l'occasione.
Beatty è il capitano dei militi del fuoco. Si accorge del cambiamento di Montag e cerca invano di riportarlo a una vita normale. Viene ucciso da Montag quando gli impone di bruciare la propria casa.

Temi

Il significato di Fahrenheit 451 ruota attorno all'abolizione dei libri nel mondo immaginario di Bradbury. In questo mondo, le persone non hanno identità: sono tutte uguali, incapaci di esprimere proprie idee e riflessioni. È una società apparentemente felice, ma in realtà tristissima, perché molto superficiale. L'esempio perfetto di quella società è Mildred. Una donna che sembra felice, ma che ha invece tentato di uccidersi. Questo perché non ci sono i libri, che offrono spunti e idee diverse, considerate “pericolose” in questo mondo. Con il libro Fahrenheit 451, Bradbury ci vuole avvertire, darci un “campanello d'allarme” perché forse la società di oggi sta diventando un qualcosa di simile a quella di “Fahrehneit 451” anche se non così estrema.

Commento

Il libro Fahrenheit 451 mi è piaciuto moltissimo. Oltre ad essere scorrevole, è allo stesso tempo profondo: infatti ci dà spunti sui quali riflettere, visto che apparteniamo a una società in continua trasformazione (forse peggiore...). Inoltre mi ha fatto pensare all'importanza, spesso sottovalutata, dei libri. L'unica nota stonata è il finale. Non mi è piaciuto, perché la storia non ha una conclusione. Ad esempio, non si sa che fine ha fatto Faber e come proseguirà la vita di Montag. Il finale quindi è incompleto.

Registrati via email