sedia90 di sedia90
Genius 9848 punti

Relazione su La città di fango di Debora Ellis.

Un libro che ho letto e che mi è piaciuto molto è intitolato “la città di fango”, la cui autrice è Debora Ellis.
Il libro inizialmente è ambientato in un campo profughi dell’Afghanistan e poi si svolge nella città di Peshawar. La protagonista di questo libro è Shauzia, una ragazza che è scappata dalla sua famiglia e che va in un campo profughi, la cui direttrice è la signora Weera. Shauzia, insieme
alla sua amica Parvana hanno sempre sognato che un giorno sarebbero andate in Francia con la sua amica in un campo di fiori viola e poi sarebbero andate a Parigi e lei si sarebbe seduta in cima alla Torre Eiffel e Parvana l’avrebbe raggiunta lassù come si erano promesse. Poi avrebbero passato il resto dei loro giorni a bere the e a mangiare arance e a ridere del passato. Un giorno, Shauzia, stanca del campo e delle continue discussioni con la signora Weera, scappa insieme al suo cane Jasper e va a Peshawar e
cerca un lavoro; prima chiede l’elemosina poi
trovò lavoro in una macelleria. Dopo la macelleria la protagonista trovò altri lavori, ma quando vide dei ragazzini che rovistavano nella pattumiera gli chiese cosa stessero facendo e loro le risposero che cercavano degli oggetti o dei contenitori per poi rivenderli a dei commercianti, e da quel giorno anche lei si unì a quei ragazzini.
Shauzia un giorno, mentre lavorava dal macellaio, conobbe dei ragazzini che erano là con i loro genitori. Shauzia, poco dopo, fu arrestata perché un uomo, dopo che le aveva dato cento rupie, gridò che la ragazza gliele aveva rubate. Dopo i genitori dei ragazzi che aveva conosciuto la fanno liberare e la tengono a casa loro per un po’ ma poi la riportano al campo profughi.
Questo libro mi è piaciuto molto perché mi ha portato in un mondo completamente distante da me e mi ha fatto riflettere molto sulle condizioni della gente che abita in paesi come l’Afghanistan, che è afflitto dalla guerra.

Registrati via email