Frank, Anna - Il diario di Anna Frank (3)

Il diario di Anne Frank è un libro scritto in prima persona. Ha come protagonista una ragazza ebrea che si rifugia con la sua famiglia e altri ebrei in un alloggio, per fuggire ai nazisti ed evitare di andare in un campo di concentramento.
I personaggi che dividono il nascondiglio con lei sono Margot, sua sorella, i suoi genitori, i signori Van Daan con il figlio Peter e il dottor Dussel. Ad aiutarli a rimanere nascosti sono Elli, Miep, Kraler e Koophuis.
Questo libro inizia il 12 giugno 1942, quando Anne compie tredici anni; all’amica immaginaria a cui si rivolge prende il nome di Kitty.
Anne racconta molti episodi, spesso banali: le discussioni sul cibo, sull'uso del bagno e le piccole insofferenze tra persone costrette a vivere troppo vicine. Anne parla molto frequentemente di Peter, il ragazzo di cui pian piano si accorge di essersi innamorata.
Anne descrive i difficili rapporti con le persone con cui è costretta a vivere: il padre, che inizialmente la aiuta e le è sempre vicino, sembra allontanarsi da lei; la madre non comprende le sue difficoltà e spesso si mette contro di lei; la sorella è disperata quanto lei e non riesce ad aiutarla; i signori Van Daan sono noiosi e sono sempre pronti a criticare le sue azioni.
Anne e i suoi compagni si trovano spesso ad affrontare episodi di paura causati dalla probabile possibilità di essere trovati dai tedeschi ed essere portati in un campo di concentramento.
Infatti, il 4 agosto 1944 vennero scoperti da un tedesco e quattro olandesi, e il 2 settembre 1944 la famiglia Frank viene trasferita ad Auschwitz, dove il padre viene separato dalle figlie e dalla moglie, che morì poco dopo.
Qui, nel 1945 Margot e Anne morirono.

Registrati via email