Titolo: La bestia umana
Autore: Emile Zola
Anno di pubblicazione: 1890
Riassunto: Grandmorin è un uomo potente, ma vizioso. Ha sedotto Louisette (poi morta di febbre), la ragazza del pregiudicato Cabuche, che di mestiere fa il cavapietre, ed anche Séverine, quando era tenuta presso di lui come una figlia. Ora Séverine è sposa del vicecapostazione Roubaud. Un giorno Grandmorin viene trovato ucciso lungo i binari della ferrovia e Jacques Lantier, che si trovava lì nel suo vagabondare di uomo ossessionato da fobie, ha visto confusamente il momento in cui, nello scompartimento del treno, che passava veloce davanti a lui, veniva commesso il delitto. Le indagini vedono sospettati Cabuche e i coniugi Roubaud. Il giudice ambizioso Denizet, che conduce le indagini è consigliato dal superiore, segretario generale del Ministero della Giustizia, Camy-Lamotte, ad archiviare il caso, per non creare scandalo. Sospetta che siano i Roubaud i responsabili, ma è stato affascinato dalla bellezza di Séverine, la quale, intanto, cerca di portare dalla sua parte Jacques Lantier con l'arte della sua seduzione. I due finiscono con l'innamorarsi, mentre il marito di Séverine si dà al gioco e si carica di debiti. Flore, la sorella di Louisette, è gelosa di Sèverine, è invaghita di Jacques, e non può tollerare l'amore tra i due. Accecata dal rancore, farà deragliare il treno su cui viaggiano Jacques e Séverine. Ma i due amanti sopravvivono, e così Flore si ucciderà. Morirà anche Séverine, uccisa da Jacques in un momento di raptus, ma di quell'omicidio saranno incolpati Roubaud e Cabuche. Nella lite che scoppierà tra Jacques e il suo fuochista Pecqueux, moriranno entrambi cadendo dal treno, che continuerà la sua folle corsa senza più guida, facendo presagire grandi sventure. Termina infatti qui, il romanzo, in cui è il treno protagonista delle pagine migliori. Nel cap. VII efficace e suggestiva la corsa del treno da Le Havre a Parigi, guidato da Jacques in mezzo ad una tormenta di neve. Così nel cap. X il disastro ferroviario provocato da Flore e, nell'ultimo, la folle corsa del treno, rimasto senza guida, verso la morte.

Personaggi

Grandmorin - Il morto, era un nobile vizioso, sedusse Louisette e Séverine, moglie di Roubaud.
Roubaud - Vicecapostazione di dove viene trovato il corpo di Grandmorin, è il marito di Séverine.
Jacques Lentier - Colui che ha assistito all'assassinio di Grandmorin, sarà sedotto da Séverine i quali due si innamoreranno. Alla fine, in un attimo di raptus, uccide la sua amata.
Séverine - Moglie di Roubaud, si innamorerà di Jacques dopo che lo aveva sedotto per portarlo dalla sua parte al processo riguardante la morte di Grandmorin e accusati i Roubaud. Morirà per un momento di rabbia di Jacques.

Denizet - Il giudice del processo.
Flore - sorella della defunta Louisette, accecata dalla rabbia fa deragliare il treno di Séverine e Jacques e, dopo che i due sopravvivero, si suicidò.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email