sbardy di sbardy
Admin 22784 punti

TITOLO: Le affinità elettive

AUTORE: Johann Wolfgang von Goethe nato a Francoforte sul Meno nel 1749 fu un grande poeta, drammaturgo, romanziere e scienziato tedesco. Figlio di un funzionario dell'amministrazione imperiale, dal 1765 al 1768 studiò diritto a Lipsia, dove maturò in lui l'interesse per la letteratura e la pittura, e dove conobbe alcune opere drammatiche dei poeti di allora. La sua prima produzione poetica e drammatica trasse spunti anche dall'amore per la figlia di un oste, che gli ispirò la commedia pastorale Capriccio d'innamorati (1767). Dello stesso periodo è una tragedia in versi, I complici (1768). Nel 1768, ammalatosi gravemente, fece ritorno a Francoforte e, superata la fase critica della malattia, durante la convalescenza si dedicò allo studio dell'occultismo, dell'astrologia, dell'alchimia. L'amicizia con Susanne von Klettenberg, attiva pietista amica della madre, lo accostò al misticismo religioso. Dal 1770 al 1771 Goethe visse a Strasburgo, dove coltivò, accanto alle discipline giuridiche, lo studio della musica, dell'arte, dell'anatomia, della chimica.

SINTESI: il libro parla della vita di una coppia di sposi: Carlotta e Edoardo. Questi, amatisi in gioventù, riescono a sposarsi una volta morti i rispettivi consorti e vanno a vivere in campagna, nella villa di Edoardo. Il loro rapporto però, dominato dalla monotonia, prende una svolta quando Edoardo decide di invitare il Capitano, un vecchio amico, al castello. Carlotta inizialmente dubbiosa, approva il suo arrivo e invita anche la figlia adottiva Ottilia, sempre vissuta in collegio, per educarla personalmente. Le cose però iniziano a complicarsi. Carlotta è sempre più attratta dal Capitano, mentre Edoardo si lascia andare ai vizi e si comporta come se non si rendesse conto delle conseguenze che possono avere le sue azioni. Così, dopo ripetuti incontri, entrambe le coppie si scambiano un bacio. Ma Carlotta, da donna matura, capisce che l’amore con il Capitano non può andare avanti e decide di fare lo stesso con Edoardo e Ottilia. Il suo amante si allontana dal castello avendo ricevuto una proposta di lavoro, mentre Edoardo decide di allontanarsi e di arruolarsi nell’esercito. Egli, nel patto fatto con la moglie, fa ciò per impedire l’allontanamento di Ottilia, ma promette che se la ragazza avesse abbandonato il castello lui sarebbe stato libero di incontrarla e corteggiarla. Intanto Carlotta rimane incinta del figlio di Edoardo. Alla nascita però questi assomiglia a Ottilia e al Capitano e non ai rispettivi genitori. Intanto, quando Edoardo ritorna al castello per definire la separazione con Carlotta, Ottilia, in giro in barca con il bambino, ha un incidente ed il bambino muore affogato. Il dolore dentro alla giovane, autoaccusatasi della morte, la porta al suicidio, causato dall’astenersi dal cibo. Questo provoca un dolore immenso nella figura di Edoardo, che morirà dopo poco tempo. Carlotta decide così di seppellirli uno affianco all’altro.

PERIODO STORICO: il romanzo è ambientato in un anno indeterminato del diciottesimo secolo.

PERSONAGGI: i quattro personaggi principali si possono dividere in due coppie. Carlotta e il Capitano sono persone riflessive e mature, che pensano alle conseguenze delle proprie azioni, mentre Edoardo ed Ottilia si comportano come bambini. Il primo cerca una persona che si rispecchi nella sua, mentre la seconda vede in Edoardo il padre perso quando era bambina.

ANALISI DELLO SPAZIO: la vicenda si svolge in Germania nel castello di campagna di Edoardo

TECNICHE: il libro è prevalentemente descrittivo e riflessivo, intercorrendo a parti descrittive parti di pensiero dell’autore.

PUNTO DI VISTA: sempre esterno

TEMI: l’autore tratta temi come il destino, l’esistenza dell’individuo, la passione, il tradimento e la ragione.

Registrati via email