Ominide 50 punti

Varrone

Varrone nasce in Sabina nel 116 a.C. Studiò retorica a Roma e fu avviato alla filosofia, fu aperto a molte correnti filosofiche e soprattutto al pitagorismo. Intraprese il cursus honorum: fu dapprima questore, poi pretore e infine fu nominato da Cesare sovrintendente della biblioteca pubblica. Fu inserito nelle liste di proscrizione di Marco Antonio, ma riuscì a salvarsi. Morì nel 27 a. C.
Scrisse ben 74 opere di genere differente grazie alla sua straordinaria poligrafia: trattati, biografie, scritti enciclopedici, scritti filosofici e satire.
Le “antiquates rerum humanorum et divinarum” è un’ opera suddivisa in 40 libri e due fasi una dedicata alla vita umana e l’altra dedicata alla vita degli Dei.
- Le opere filologiche e filosofiche utilizzano il dialogo le “Saturare Maenippae” alternando parti in prosa e parti in poesia, toni seri e toni allegri e vi è una varietà di argomenti e varietà metriche. I titoli hanno spesso sapore proverbiale o da nomi composti coniati da Varrone.
- Le opere biografiche si suddividono in 15 libri comprendenti ritratti di personaggi famosi del mondo greco e Romano. Le imagines sono il primo esempio di libro illustrato.
- Le opere a carattere enciclopedico dedicate alle artes liberale: come la grammatica, la retorica, la dialettica, la musica, l' astronomia e la matematica matematica; e alle arti a carattere più tecnico ocme la medicina e l'architettura. Ebbe un ruolo molto importante nell’organizzazione del sapere proprio per questo carattere enciclopedico.

Le opere: le più importanti sono:
- il De lingua latina: il primo trattato di grammatica latina, suddiviso in 25 libri;
- il De Rustica: un trattato di tre libri sull’economia rurale, sottoforma di dialogo aristotelico, esalta la vita rustica e l’agricoltura italica.
Nelle sue opere principali si può distinguere un diverso impegno letterario che determina lo stile dell’autore; il registro varia dal colloquiale all’elegante ed è spesso arricchito da arcaismi, grecismi, neologismi e tecnicismi. Inoltre prevale la paratassi e la variatio, anche nella metrica.

Registrati via email