Ominide 128 punti

Marziale, Marco Valerio - Biografia e Stile

Marco Valerio Marziale nasce a Bilbilis, in Spagna, nel 40 d.C., ma solo nel 64 d.C. arriva a Roma: una volta in città, conosce Seneca e, dopo la morte di quest'ultimo, comincia la vita del Poeta Cliens: in ordine cronologico, compone il "Liber de Spectaculis" per l'imperatore Tito (79-81 d.C.), "Xenia" e "Apophoreta", e gli "Epigrammata".
Il primo riguarda l'inaugurazione dell'Anfiteatro Flavio;
Il secondo ed il terzo sono collegati ai doni ed al rapporto tra l'ospitante e l'ospitato, dal momento che "Xenia" e "Apophoreta" (neutri plurali in lingua greca) sono regali simbolo del vincolo di ospitalità che si scambiano in occasione dei Saturnalia, ossia, nel periodo compreso tra il 20 ed il 23 dicembre;

Gli "Epigrammata" sono caratterizzati da brevità e dalla varietà metrica: infatti, sono utilizzati soprattutto il distico elegiaco ed il trimetro giambico, rispettivamente usati nelle elegie e nelle tragedie, oltre all'endecasillabo falecio, adoperato specialmente da Catullo.

Temi >

Gli epigrammi affrontano temi leggeri: riguardano, infatti, il simposio o anche episodi funerari, ricordando il defunto, l'età, l'indole, diventando, difatti, un vero e proprio sottogenere dell'epigramma.
Il filone realistico è caratterizzato dalla rappresentazione di personaggi stravaganti che si aggiravano per la città di Roma, come i clienti alla ricerca del patrono, vecchi che tentavano di sposare giovani donne o, al contrario, donne anziane sposate da giovani per l'eredità. Dunque, si tratta di un genere realistico - grottesco in cui predomina l'elemento inatteso, il cosiddetto Fulmen in Clausula, ossia, la battuta finale.

Registrati via email