Genius 5407 punti

Una grande opera:la galleria del Fùcino
(Tacito,Annales XII 56-57)

Analisi del testo

Il lago Fùcino,oggi prosciugato,si trovava nella Marsica,in Abruzzo;poco profondo e privo di un emissario naturale,era causa di inondazioni e di esalazioni che diffondevano epidemie di malaria. Già Cesare aveva concepito il progetto di scavare una galleria sotto l’Appennino per farne defluire l’acqua nel Liri,l’odierno Garigliano. La grandiosa opera fu compiuta da Claudio, si protrasse per oltre un decennio impegnando trentamila operai per undici anni,ma non ebbe buon esito perché,fin dal giorno dell’inaugurazione,si vide subito che il canale sotterraneo - che poi di lì a poco si ostruì - non riusciva a svuotare che la parte superficiale del lago. Ripresi i lavori e adeguata la galleria alla profondità del lago,le acque ne uscirono con violenza tale da travolgere i presenti alla festa di inaugurazione.

Il racconto di Tacito è dedicato per una buona metà alla battaglia navale organizzata per dare risonanza all’inaugurazione della galleria.Anche questo dimostra che le opere pubbliche rispondevano a scopi di pubblica utilità.ma erano anche un importante strumento di propaganda nelle mani del principe.

Registrati via email