Ominide 4082 punti

Orazio, Carme I,23 A Cloe che fugge

Il componimento si sviluppa su un motivo topico della letteratura erotica, un amore non corrisposto.
Cloe, una fanciulla da poco uscita dall’adolescenza, si rifiuta al poeta. Essa è simile ad un cerbiatto che non riesce a staccarsi dalla presenza protettiva della madre e non si rende conto che è giunta per lei l’età giusta per concedersi all’uomo.
Il carme ha una struttura circolare. L’idea base, cioè il rifiuto opposto dalla fanciulla alle profferte d’amore del poeta, è ripresa alla fine attraverso l’invito a staccarsi dall’ala protettiva materna.
Il corpo centrale dell’ode è costituito dall’ampliamento dell’identità, posta all’inizio, tra la ragazza ed il cerbiatto impaurito. Si ha l’impressione, però, che il poeta, una volta posta l’identità Cloe-cerbiatto, si dimentichi della donna per concentrare l’attenzione sulle manifestazioni comportamentali del piccolo animale.

Tale impressione si ricava dal fatto che, quando il poeta parla di paure e trasalimenti nel bosco, non usa un linguaggio ambivalente, cioè che possa riferirsi ad entrambi i termini dell’identità.
Resta difficile, ad esempio, attribuire anche alla fanciulla la ricerca della madre per monti impervi, o la paura aurarum et silvae, oppure ancora il terrore di trovarsi improvvisamente di fronte una tigre o un leone.
Tali elementi turbativi possono essere riferiti alla ragazza solo se ad essi si dà il valore di simboli, se cioè i monti impervi, il soffio dei venti, il rovo smosso dai ramarri, la tigre ed il leone getulo vogliono simbolicamente rappresentare la vita con le sue difficoltà più o meno sormontabili, con i suoi imprevisti ed anche con le sue seduzioni (spinge a quest’ultimo significato la delicatezza fonica di aurarum et silvae).
Se questa interpretazione simbolica coglie almeno in parte la verità, allora il significato del componimento va ben oltre il semplice ed egoistico invito ad accettare le profferte d’amore, esprimendo, invece, un’esortazione alla vita rivolta ad una ragazza che vuole ancora rimanerne ai margini.

Hai bisogno di aiuto in L'era Augustea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email