_kia96_ di _kia96_
Ominide 1825 punti

Orazio - Carpe Diem

Metrica:
- asclepiadei maggiori

Stile:
- concentrazione ed equilibrio
- callidae iuncturae (mira alla densità)
- non c'è spreco di retorica
- tono colloquiale
- espressioni parallele (queri rimi ruem tibi, seu pluris... seu.. ultimatus)
- enjambement

Tema centrale - Carpe diem:
- non può essere intesa se avvulsa dal contesto di divieti e proibizioni che lo circoscrivono al senso di rinuncia
- la ricerca del piacere coesiste, in un ottica epicurea ed oraziana, con la forza della rinuncia, la rinuncia a progetti per il domani, a vani tentativi di conoscere il futuro, a speranze illusorie.

Idea di fondo: attraverso la presa di coscienza dell'ora presente l'uomo può goderne senza essere angosciato dal tempo e dal timore della morte.
-> Piacere catastematico: che non è proteso alla ricerca di godimento ma ripiega sull'assenza del dolore --> nell'insegna dell'autorkeya e della mediocritas

La modernità: ha travisato il concetto di Carpe Diem decontestualizzandolo e facendolo passare sotto una velata interpretazione romantica e decadente di un piacere cercato ad ogni costo --> il carpe diem risulta banalizzato nelle sue forme più lontane dalla morale epicurea dove nasce

Registrati via email