Genius 5605 punti

Tibullo - La campagna, gli dei, l'amore, analisi

Questa poesia può essere considerata una dichiarazione di poetica, perché proprio con il primo componimento si ha quella struttura compositiva che diventa poi caratterizzante di quello stile dolce e tipicamente elegiaco. Già l’attacco di questo componimento pone in contrapposizione gli ideali di vita agreste, di vita tranquilla a forme di realizzazione umana più conformi agli ideali ufficiali. Cerere è una delle divinità agresti più importanti, è quella divinità che ha insegnato agli uomini la pratica dell’agricoltura ed è bionda come bionde sono le spighe di grano. La figura di Priapo è un evidente richiamo alla religiosità agreste, poiché egli è il simbolo della fecondità. I latini erano soliti utilizzare l’immagine di Priapo in qualità di spaventapasseri. Un altro riferimento viene fatto ai Lari, che erano divinità protettrici dei campi. È probabile che quei campi una volta ricchi ed ora poveri siano un’allusione all’espropriazione delle terre consegnate ai veterani della guerra civili, ma a differenza di Virgilio la storia nella sua contemporaneità non trova grande spazio in Tibullo. Interessante in tutto il componimento è il riferimento alla poesia virgiliana, con la descrizione del locus amoenus che imperversa nella scrittura poetica di quel momento. Tibullo è molto meno amoroso, l’incipit ci spiazza perché ci si aspetterebbe un soggettivismo lirico mosso dal sentimento e dalle passioni amorose e invece e profondamente virgiliano e profondamente oraziano. Non è azzardato dire che nell’età classica c’è un’ideologia dominante che poi viene grandiosamente cavalcata, di come gli intellettuali abbiano garantito con le loro opere alla creazione del mito della riscoperta dei campi. Proseguendo la lettura giunge il tema amoroso, con i toni che cambiano. La dolcezza con cui Tibullo ha idealizzato la vita dei campi si trasferisce ora sull’immagine femminile, ma non è un amore passionale e tumultuoso, ma è un’immagine molto dolce che illude ad un amore più maturo e più profondo.

Registrati via email