Ominide 395 punti

Favola - Fedro


La figura e la produzione letteraria di Fedro rimangono ai margini rispetto al panorama culturale del suo tempo, infatti più che non essere apprezzato dai contemporanei, lui risulta ignorato da questi ultimi.
Tutte le notizie biografiche e cronologiche che possediamo, si ricavano tutte dalla sua opera, dove troviamo appunto dei riferimenti sulla sua vita privata.
Nasce in Macedonia e viene portato a Roma come schiavo probabilmente, infatti viene chiamato in alcune opere libertus Augusti. Si ipotizza che, come molti schiavi di madrelingua greca, si sia dedicato all'insegnamento.
Si suppone, giustamente, che le sue opere, ovvero le favole, siano nate a causa della sua professione di insegnante, poiché questo tipo di componimento era utilizzato soprattutto nelle scuole , sia greche che romane, come libri di testo.
La favola diventa un vero e proprio genere assestante, costituito da racconti di fantasia, dotati soprattutto di un significato pedagogico e morale.
Lo scopo, quindi, è duplice: il poeta vuole infatti divertire, ma anche ammaestrare, e questo viene ribadito all'interno delle opere.
La "morale" è la caratteristica principale della favola, che segue il racconto spiegando il significato allegorico o simbolico e dando consigli di vita, che spesso ritroviamo nei proverbi dei nostri giorni.
Hai bisogno di aiuto in Arcaica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email