Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Plauto, Tito Maccio - Amphitruo

Rassunto e commento dell'anphitruo di Plauto

E io lo dico a Skuola.net
Plauto - Amphitruo
Riassunto
Anfitrione, generale di Creonte, re di Tebe, dopo aver sposato Alcmèna, figlia del re Elettriòne, ha lasciato la città per combattere i Telèboi, un popolo mitico dalla fama remota. Nel frattempo Giove si è innamorato di Alcmèna e per potersi avvicinare a lei senza suscitare sospetti assume le sembianze di Anfitrione, suo legittimo sposo che intanto tornava trionfante dopo aver vinto i nemici ed aver ucciso con le proprie mani il re nemico Ptèrela. Così Giove passa con Alcmèna una lunga notte d’amore, prolungata magicamente per allungarne le gioie. Mercurio che ha assunto l’aspetto del fidato servo di Anfitruo, Sosia, fa la guardi fuori dal palazzo. Quando il vero Sosia, servo di Anfitrione, giunge, per ordine del suo signore, alle porte del palazzo dove vive Alcmèna trova Mercurio, con le sue sembianze, che gli impedisce di entrare giungendo addirittura a picchiarlo. Sosia confuso dall’aver visto un altro se stesso si smarrisce nell’insicurezza e nel dubbio di chi sia egli in realtà. Giunta al termine la lunga notte d’amore, Giove deve lasciar Alcmèna poichè sta giungendo Afrodite e lei, in quanto dea, non può esser scacciata come si era fatto con Sosia. Sosia, tornato da Anfitrione, spiega l’accaduto al suo “padrone” il quale però, al sentir parlare di un altro “Sosia” crede che il suo servo lo stia canzonando o che durante il tragitto si sia ubriacato. Così, incredulo dei discorsi apparentemente insensati del servo, e adirato con questo, torna alla sua dimora dove Alcmèna, la sua sposa, che ha appena salutato Giove-Anfitrione, lo accoglie con freddezza. Anfitrione grandemente sbalordito da ciò chiede spiegazioni alla moglie la quale risponde di aver appena passato con lui l’intera nottata. Il marito è travolto da un groviglio di vari sentimenti: dolore, sospetto, sconforto, ira, tormento e stupore lo invadono. E così, pensando che la moglie sia o posseduta o impazzita si reca da Nàucrate, suo compagno di battaglia, per aver conferma di come egli stesso avesse trascorso la notte. Nel mentre stesso Giove decide di riprender le spoglie di Anfitrione per scusarsi con Alcmèna al posto del vero Anfitrione che aveva accusato la moglie di tradimento. Ella prova risentimento poiché non sa di aver commesso un adulterio involontario. Riappacificatosi con Alcmèna sotto le false spoglie del marito, Giove chiede nuovamente aiuto a Mercurio per tenere Anfitrione lontano da casa per poter di nuovo godere della compagnia di Alcmèna. Così Mercurio, nuovamente sotto le sembianze di Sosia, impedisce al vero Anfitrione di entrare nella reggia apostrofandolo duramente. Anfitrione riuscito finalmente a rientrare in casa minaccia di uccidere chiunque gli si pari davanti. Improvvisamente dal cielo cade un fulmine di Giove che lo colpisce in pieno e l’eroe resta privo d sensi in terra. Quando si ridesta lo soccorre una serva chiamata Bromia la quale è ancora agitata e spaventata dal fragore del tuono che ha accompagnato il fulmine. Ella racconta al padrone che Alcmèna ha partorito due gemelli aiutata da Giove e quindi ella gli era rimasta fedele e uno dei due neonati era figlio di Giove. Ciò è testimoniato dal fatto che ai piedi della culla spuntano due serpenti che sono uccisi a mani nude dal figli di Giove. Il capo stesso degli dei finalmente si mostra innanzi ad Anfitrione e gli spiega l’intrigo. Anfitrione risulta infine contento del fatto che il fratello del suo legittimo figlio sia ilfrutto di una divinità potente come Giove.

Commento
Questa tragicommedia di Plauto riprende il tema della farsa coniugale ampiamente utilizzato nella commedia latina. È un misto perfetto di avvenimeti piccanti e buffi con anche il tema dell’identità personale, affrontato con vari scambi di persona, di dubbi, di riconoscimenti improvvisi e dialoghi serrati al limite tra il comico e il tragico, che rendono ancor più movimentata la vicenda. A parer mio Plauto ha volontariamente unito i lati giocosi e scherzosi della commedi a quelli della tragedia con personaggi mitici e argomenti seri per dare un certo brio in più alla storia, per darle un carattere eccezionale.
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare