sbardy di sbardy
Admin 22784 punti

Winter’s tale di William Shakespeare

C’è un re, chiamato Laonte, che governa sulla Sicilia. È sposato con Hermione e il loro rapporto è splendido. La onte ha un grande amico, fin dall’infanzia, ed il suo nome è Polixene. Laonte desidera incontrarlo perché da tanto tempo i due non si incontrano, così Hermione decide di invitare l’amico del marito, che è re di Boemia, a corte. Ma Laonte è terribilmente geloso e sospetta una relazione tra la moglie e Polixene, che nel frattempo erano diventati amici. Così ordina ad un servo, Camillo, di ucciderlo col veleno, ma quest’ultimo ha compassione e decide di aiutare Polixene, scappando con lui in Boemia. Nel mentre Laonte fa imprigionare la moglie e il figlio piccolo della coppia regale si ammala, non vedendo più la madre. In seguito la madre partorisce il secondo figlio e Il nascituro viene affidato a Paolina, amica di Hermione . Paolina decide dunque di fare vedere la piccola a La onte, sperando che questo muova a compassione l’uomo, il quale però, sempre più accecato dalla gelosia. Ma quest’ultimo non crede al responso e Obbliga dunque Antigono, un altro servo, a portare la bambina via su un’isola; la bambina viene avvolta in un prezioso mantello e i due partono per la destinazione prestabilita; ma una terribile tempesta, nella quale perde la vita Antigono, fa deviare la rotta e giungere la piccola sulle coste della Boemia. Lì viene ritrovata da un pecoraio, che la alleva e le permette di diventare una bellissima ragazza ( questa bambina si chiamava Perdita) .essa poi si innamora, stranezze del destino, del figlio di Polixene, Florizel, durante una festa, quella della tosatura, i due dichiarano apertamente il loro amore, ma Polixene è contrario all’unione per via delle umili origini di lei. Allora Camillo, mosso nuovamente a compassione, decide di aiutarli e fugge con loro e con il pecoraio in Sicilia, dove La onte è tornato ad essere un bravo re. Poi avviene l’incontro tra La onte e il pecoraio, a cui il re racconta delle proprie vicende personali; dopo aver udito tali fatti il pecoraio comprende che forse la figlia da lui allevata corrisponde a quella del racconto di Laonte e per frugare ogni dubbio il pecoraio. Mostra il mantello, simbolo regale. Perdita, informata della sorte toccata alla madre, decide di andare a trovarla e Paolina le dice che forse alla sua vista Hermione sarebbe di nuovo riuscita a muoversi ( aveva promesso no0n si sarebbe più mossa fino al ritorno della figlia). Così infatti avviene; la ragazza va dalla statua della madre, che si commuove e ritorna a muoversi liberamente: e vissero tutti felici e contenti, soprattutto i due giovani innamorati.

Registrati via email