Viola89 di Viola89
Ominide 50 punti

Shakespeare - Parafrasi Sonetto 18

Shall I compare you to a summer's day?
You are more lovely and more delightful:
Rough winds shake the much loved buds of May
And summer is far too short:
At times the sun is too hot,
Or often goes behind the clouds;
And everything that is beautiful will lose its beauty
By chance or by nature's planned out course;
But your youth shall not fade,
Nor lose the beauty that you possess;
Nor will death claim you for his own,
Because in my eternal verse you will live forever:
So long as there are people on this earth,
So long will this poem live on, giving you immortality.

Devo paragonarti a un giorno d’estate?
Tu sei più bello e più temperato.

Tempestosi venti scuotono i cari boccioli di Maggio
E la durata del’estate ha una scadenza troppo breve
Talvolta troppo caldo l’occhio del cielo splende
E spesso il suo aspetto dorato è oscurato
E ogni bellezza dalla bellezza presto o tardi declina
Dal caso o dal mutevole corso della Natura privata di ornamenti
Ma la tua eterna estate non appassirà
Nè perderà possesso di quella bellezza di cui sei in debito
nè si vanterà la morte che tu vaghi nella sua ombra
Quando in versi eterni nel tempo tu crescerai
Finchè gli uomini potrenno respirare o gli occhi vedere
Tanto vivrà questa poesia, e questa darà vita a te.

questo è uno dei 154 sonetti che furono pubblicati in un volume nel 1609, i quali sono indirizzati a due persone, un giovane unomo, probabilmete un giovane aristocratico che aiutava economicamente il poeta, e una donna -la così-detta 'Dark Lady' che rappresenta lo stereotipo della donna con carattere forte- con un alto livello di intimità ed emozione.
l'originalità di shakespeare risiede nell'inusuale svolgimento del poema, partendo da una domanda e arrivando alla fiere affermazione del valore della propria poesia. inoltre è utilizzato un linguaggio che attira l'attenzione, che prende in prestito dal vocabolario ' commerciale' per parlare della bellezza, ed è molto ricco di figure retoriche.

Il poeta inizialmente paragona il suo amico ad un giorno d'estate. ma successivamente lui afferma che l'amico è sicuramente migliore e proprio perchè è più bello, più temperato e soprattutto eterno, la sua poesia e la sua fama vivrà allungo, finchè ci srà vita sulla terra. l'intento del poeta è chiaro: l'immotalizzazione dell'amico attraverso la poesia, che lo sottrarrà al mantello oscuro della morte e gli darà per sempre vita. viene dunque fermato un periodo del tempo, l'estate, che metaforicamente parlando sarebbe la giovinezza dell'amico, ovevro il momento migliore della vita.

Registrati via email