La tragedia greca - Abiti e musica

Gli attori indossavano un chitone, lungo mantello che arrivava fino ai piedi, che permetteva agli uomini di interpretare ruoli femminili; esso era anche un capo d'abbigliamento tradizionale che si indossava appuntato sulle spalle con delle fibbie. Sopra di esso si indossava l'himation, un mantello più corto: gli uomini non lo indossavano comunemente, ma solo in occasioni particolari. In età classica, le calzature erano, sia per i coreuti che per gli attori, stivaletti con la suola abbastanza bassa, alti fino al polpaccio, aderenti alla gamba, con la punta girata all'insù, ricamati e chiusi con lacci di cuoio; successivamente entrarono in uso i coturni, calzature con una zeppa alta fino a 20 cm, perché il palco divenne meno elevato: gli attori non interagivano più con il coro che era stato ridotto a puro intermezzo musicale.

C'erano diverse armonie, scrive Plutarco nel De musica:
- dorica, austera e maestosa

- misolidia, usata per accompagnare pianti e lamenti
- frigia, per il canto assolo
- lidia, per accompagnare versi più patetici
- ipofrigia o ipodorica, impiegate per il canto solistico.

Sono sopravvissuti papiri con notazioni musicali, come note e il pentagramma di pochi testi. Se nel V sec a. C. la parola era considerata più importante della musica, perché si credeva fermamente nel suo valore educativo, con l'evoluzione del teatro, la musica prese il sopravvento.

Registrati via email