Ali Q di Ali Q
Mito 23936 punti

Il romanzo greco

Il romanzo fu, nella letteratura greca, un prodotto “sui generis”, a causa della mancanza, quando venne alla luce, di un termine adeguato ad identificarlo.
Fu infatti spesso chiamato indistintamente:
1) δρãμα (azione);
2) διήγημα (narrazione);
3) μũθος (racconto);
4) ίστορíα (storia).
Esso ha in verità un’origine antica, ma veniva per lo più ignorato come genere letterario perché ritenuto di qualità inferiore.

In realtà è storicamente improprio chiamare quello che si diffuse principalmente in età ellenistica “romanzo”.
Tuttavia il termine coglie in pieno i due caratteri principali di questo genere:

1) L’invenzione fantastica e l’avventura;
2) L’impiego della prosa.
Lo schema dei due innamorati divisi da un destino crudele e ricongiunti dopo varie peripezie ricorda infatti i “Promessi Sposi” e molti altri romanzi moderni.

Le origini

Per determinare le origini di questo genere letterario gli studiosi si sono sempre basati sullo stile. E diverse sono state le teorie proposte, di cui si dà di seguito un breve accenno.

Rohde. Siamo nel 1876. Secondo Rohde il romanzo nascerebbe in Grecia dalla fusione tra i racconti di viaggi e l’elegia erotica alessandrina.
Non è difficile, in effetti, cogliere tali influenze.
Più difficile è invece cogliere la funzione mediatrice della seconda sofistica.
Rohde pensava infatti che essa, dal momento che recitava orazioni su casi bizzarri, avesse ispirato questo genere letterario basato sull’invenzione
Ma quando vennero alla luce i frammenti di papiro del “romanzo di Nino” risalenti al I secolo (o forse anche al I-II secolo, per motivi storico-linguistici), la sua teoria saltò.

Lavagnoni. Nel 1921 Lavagnini ipotizzò che il romanzo derivasse dalle leggende sulle cronache locali. Lo stile doveva essere stato quindi semplice all’inizio, ma poi, nel seguito, doveva essere andato affinandosi con i caratteri raffinati dell’oratoria.

Kerenyi. Studioso delle religioni, Kerenyi ipotizzò che il romanzo avesse un’origine sacrale – isiaca per l’esattezza. Ovvero che il romanzo fosse nato come racconto in chiave umana di peripezie divine (come quelle di Iside e Osiride).

In realtà quest’eccessiva importanza attribuita alla componente religiosa suscitò non poche perplessità tra i suoi contemporanei, anche perché nel romanzo gli elementi religiosi avevano sempre scarsa importanza.

Alla fine si capì che tutte queste teorie avevano un errore di fondo: volevano cercare l’origine del romanzo in precisi modelli letterari precedenti.
Ma questo non è possibile, perché un genere così vario nei suoi argomenti non può avere un unico ispiratore.
Esso deve essere dunque frutto dell’epos e dell’agraziata storiografia ellenistica.
Questo dunque aumenterebbe anche i “tempi di gestazione” del romanzo, e tra gli ispiratori troveremmo anche lo stesso Senofonte, e poi Euripide ed Erodoto, nel quale troviamo sempre la “curiositas” per i prodigi della natura. Ultimo, ma non ultimo, si troverebbero anche influenze di Omero.

Ma più che ispiratori, essi sarebbero piuttosto i predecessori degli scrittori di romanzi.
Secondo Benjamin, infatti, il romanzo non sarebbe mai venuto fuori senza l’isolamento e la solitudine dell’uomo ellenico.

L’epos coglieva infatti in pieno lo spirito di collettività dell’uomo della polis.
Ben diverso è invece lo spirito del romanzo: esso riscopre i valori dell’intimità, della vita di coppia.
E la ricerca di nuove felicità non è che un mascheramento dell’infelicità dell’uomo lontano dalla vita politica.
Il rapporto scrittore-lettore è infatti intimo, e a differenza di quanto accadeva con i generi letterari delle epoche precedenti, il romanzo aveva principalmente fini ludici anziché paideutici.

A questo punto quello che possiamo affermare è che il romanzo – per lo meno così come lo conosciamo- nacque forse ad Alessandia, nel II o III secolo, quando ancora forte era l’influenza greca.
Chi ne fu l’inventore non lo sappiamo, anche perché il genere appariva bizzarro anche ai greci.
Accolto dai retori, esso divenne però un genere molto ricco di trame ed argomenti, nonché fiorente di autori e opere.

Registrati via email