ely90 di ely90
Genius 4638 punti

TRAGEDIE - Confronto tra l’ Edipo Re e l’Edipo a Colono
Nell’Edipo Re, morto Laio, arriva a Tebe Edipo che riesce a sciogliere l’enigma della Sfinge, atto che gli permette di sposare la regina Giocasta, con la quale avrà i figli Eteocle e Polinice e le figlie Antigone ed Ismene. Egli è un Re meraviglioso, finché non inizia una pestilenza ed il responso dell’oracolo è che c’è un contaminato in città. La curiositas di Edipo, ovvero il suo desiderio di sapere, lo porta ad interrogare Tiresia, che alla fine dopo tanta insistenza rivela che il contaminato è proprio Edipo. A questo punto il protagonista non fa nulla, in realtà scava dentro di sé (qui c’è il materiale da cui prendono il via le riflessioni di Freud) e ad un certo punto riesce a rintracciare il servo che se ne era andato al suo arrivo: apprende così di essere figlio di Laio e Giocasta, e riferendo la verità alla moglie/madre lei si uccide sul talamo, luogo che era stato profanato dall’incesto. Edipo invece non si uccide, ma con la fibbia della cinta di Giocasta si svelle gli occhi e la tragedia si conclude con Antigone ed Ismene che conducono il padre all’interno della reggia.


L’Edipo a Colono, vede il protagonista ormai anziano e cieco, giungere assieme ad Antigone nel Demo di Colono. La città ha orrore di lui, che invece si mostra integro ed innocente, in quanto le sue vicissitudini non sono avvenute per volontà. A questo punto il re Teseo gli offre ospitalità ma nel contempo arriva la richiesta di Creonte, che vuole il ritorno di Edipo a Tebe per risolvere la contesa dinastica, e che tenta di rapire Antigone ed Ismene (ma Teseo sventa il tutto). Successivamente anche Polinice richiede l’intervento del padre, lamentando l’usurpazione del potere da parte di Eteocle, ma Edipo maledice entrambi i figli, colpevoli di aver pensato all’onore abbandonando il padre. Alla fine sopraggiunge un tuono che indica che è arrivato il momento della morte per Edipo, il quale scompare in un alone di mistero alla presenza del solo Teseo.

Registrati via email