=KiArA= di =KiArA=
Ominide 50 punti

IL NATURALISMO FRANCESE

I veristi italiani prendono spunto dal naturalismo francese degli ani 70. il naturalismo si fonda sul positivismo basato sulla nuova ideologia della organizzazione industriale della società borghese,che rifiuta ogni visione religiosa,metafisica, idealistica.
Il maggior pensatore del naturalismo fu Hippolyte Taine che era ispirato da una profonda ideologia materialistica che cercò di applicare anche alla letteratura. Egli nel 1865 scriveva che il romanzo è una grande inchiesta sull’uomo con tutte le varietà che presenta la natura umana.
Altri scrittori della scuola naturalistica francese furono: Gustave Flaubert autore di Madame Bovary, Balzac autore della Commedia Umana, Edmond e Jules de Goncourt autori del Germinie Lacerteux che rappresenta il manifesto del naturalismo.
In queste opere il romanzo diventa uno strumento scientifico che serve a rappresentare la realtà in tutte le sue forme, anche quelle più crude. Anche Emile Zola appartiene a questa corrente e ne riassume nelle sue opere il pensiero. Zola sostiene che il metodo sperimentale delle scienze deve essere applicato anche alla sfera spirituale e intellettuale dell’uomo e perciò la letteratura e la filosofia adottando anch’esse il metodo sperimentale entrano a far parte delle scienze(nasce la formula Romanzo Sperimentale: Romanzo=scienza romanziere=scienziato).
Zola sostiene che la scienza si basa su 2 principi:
- l’ereditarietà biologica
- l’influsso esercitato dall’ ambiente sociale
in Zola la funzione dello scrittore diventa un impegno sociale politico, lo scrittore ha un impegno perché è uno scienziato e questo lavoro lo si può svolgere solo in un regime repubblicano e democratico.
L opera fondamentale di Zola è “ I rougon – macquart, storia naturale e sociale di una famiglia sotto il secondo impero” sono 20 romanzi pubblicati tra il 1871 e il 1893 e descrivono un quadro della società francese del secondo impero attraverso le vicende dei membri di una famiglia. In questa opera traccia un quadro completo della società francese in tutti i suoi strati sociali. Egli scrivendo questi romanzi ha un atteggiamento progressista, attento verso i piccoli ceti operai artigiani,contadini e critico nei confronti della corrotta classe dirigente.
Accanto a questi temi scientifici, realistici in Zola rimangono tendenze romantico decadenti che si osservano in certe esasperate descrizioni di oggetti materiali( merci, carni, pesci, ortaggi, frutti, formaggi). Complessivamente la sua opera non è esclusivamente scientifica ma raccoglie tutti gli elementi della cultura contemporanea e il suo stile è spesso ridondante, corposo, ricco di colore.

EDMOND( 1822-1896) E JULES DE GONCOURT(1830-1870)

I due fratelli provenendo da una famiglia agiata dedicarono tutta la loro vita all’ arte, furono collezionisti di curiosità estetiche,scrissero opere di storia, arte, costume, preferendo le argomentazioni relative al 700 e al Giappone.
Le loro opere sono: Suor Philomene, renee mauperin, Germinie e lacerteux, Manette Salomon, Madame Gervasais.
Nei loro romanzi essi ripresero le idee di Balzac e di Flauberte ma aggiunsero la curiosità per l’ abnorme, il morboso, il brutto e il patologico. Infatti le loro opere denotano venature di decadentismo. L’ opera più importante è il DIARIO (1851), vera miniera di notizie sulla cultura e la società del tempo, una galleria di ritratti di uomini celebri. Edmond lasciò tutta la sua grande fortuna per la costituzione di una: società letteraria Goncourt, ancora oggi il Goncourt è il premio letterario più prestigioso di Francia.

Registrati via email