Ominide 2487 punti

I complementi di vantaggio e svantaggio

Un'area verde va a vantaggio dell'ambiente. → "A vantaggio di che cosa?" complemento di vantaggio.
Il fumo è dannoso per la salute. → "A svantaggio di che cosa?" complemento di svantaggio.

I complementi di vantaggio e di svantaggio indicano la persona, l'animale o la cosa a vantaggio o a svantaggio dei quali si compie un'azione o si verifica un fatto.
Le caratteristiche di questi complementi sono le seguenti:
•sono introdotte dalle preposizioni
per vantaggio e contro (svantaggio), da a e dalle locuzioni (a vantaggio di, a favore di, nell'interesse di ecc.)

•rispondono alle domande "a vantaggio (o svantaggio) di chi?\Di che cosa?" "Per chi?\Per che cosa?"
•si trovano in dipendenza di verbi,sostantivi,aggettivi (utile, inutile, vantaggioso, svantaggioso.)

Talvolta i complementi di vantaggio e svantaggio possono essere espressi da particelle pronominali con valore riflessivo: "Si è conquistato una buona posizione (si= per sé, a suo vantaggio.)
Non confondiamo i complementi di vantaggio e svantaggio con quello di termine. Per non sbagliare, riflettiamo bene sul significato e sul termine da cui il complemento dipende:
Quel comportamento era
adatto all'occasione. "a che cosa?"→ complemento di termine.
Quel comportamento era
nocivo alla salute. "a che cosa reca svantaggio?" → complemento di svantaggio.

Registrati via email