MiK194 di MiK194
Habilis 2838 punti

L’accento tonico

Le parole italiane, rispetto alla posizione dell’accento tonico, si classificano in parole piane, tronche, sdrucciole e bisdrucciole.

- Le parole piane hanno l’accento sulla penultima sillaba e sono le più numerose nel nostro vocabolario;
alcuni esempi di parole piane: casa, libro, piede, giornale, marito, patata, calendario, tavolino.

- Le parole tronche hanno l’accento sull’ultima sillaba e sono quelle che devono segnalare l’accento graficamente altrimenti si compiono errori;
alcuni esempi di parole tronche: caffè, città, virtù, gioventù, lunedì, maturità, università.

- Le parole sdrucciole hanno l’accento sulla terzultima sillaba e, dopo le parole piane, sono le più frequenti del vocabolario italiano;

alcuni esempi di parole sdrucciole: pallido, sandalo, zucchero, antipatico, sistematico, imbevibile.

- Le parole bisdrucciole hanno l’accento sulla quartultima sillaba e sono abbastanza rare da trovare nel nostro vocabolario; difatti, frequentemente, si tratta di verbi che hanno assorbito una qualche forma pronominale;
alcuni esempi di parole bisdrucciole: lasciatemeli, parlamene, scrivimelo, abitano, edificano, dondolano, aspettandosela, portandogliele, dimenticandosene.

Hai bisogno di aiuto in Grammatica per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email