Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

Pascoli, Giovanni - X agosto (31607)

Spiegazione concisa sotto forma di parafrasi, strofa per strofa, della poesia X Agosto di Giovanni Pascoli, scritta nell'anniversario della morte del padre.

E io lo dico a Skuola.net
X Agosto

È l'anniversario dell'uccisione del padre del poeta. Giovanni Pascoli si rivolge a San Lorenzo, vittima anch'egli della crudeltà umana, dicendo che non è mistero per lui la caduta di tante stelle nella notte del Santo: sa infatti che esse sono le lacrime che il Cielo piange sulla malvagità della nostra terra tanto piccola, ma tanto cattiva.
Una rondine venne uccisa mentre portava il cibo ai suoi nati; e così pure venne ucciso un padre, mentre portava in dono due bambole ai suoi bimbi.
Tutte le determinazioni sulla rondine sono piene di grazia e di dolcezza, e fanmmo percepire il suo supplizio come immeritato, la sua uccisione quasi un sacrilegio, predisponendo l'animo allo sdegno contro gli uccisori non più e non solo della rondine, ma del un padre.
Nell'anniversario, il triste quadro appare avvolto come nell'atmosfera di un sogno; la passione della vendetta ha ceduto ad una vivissima pietà per gli uomini, anche per gli uccisori, di qui la preghiera che un pianto di stelle purifichi "quest'atomo opaco del male".
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare