Ominide 2487 punti

Sandro Penna

La vita e le opere
Nasce nel 1906 a Perugia da una famiglia di commercianti. Dopo aver compiuto studi irregolari a causa della salute malferma, consegue il diploma in ragioneria e comincia a lavorare saltuariamente nella sua città.
Nel 1929 si trasferisce a Roma, dove vivono la madre e la sorella, entrando in contatto con diversi intellettuali. Le sue poesie vengono pubblicate per la prima volta nel 1932, grazie all'incoraggiamento di Umberto Saba al quale Penna le ha inviate, ma la sua prima raccolta appare solo nel 1939.
Dopo aver svolto per tutta la vira lavori precari, trascorre la sua vecchiaia in miseria. Muore a Roma nel 1976.
Alla pubblicazione della raccolta "Poesie" (1939), seguono i volumi in versi "Appunti" (1950), "Una strana gioia di vivere" (1956) e le edizioni delle "Poesie" del 1957 e del 1970 che comprendono i componimenti scritti nel periodo precedente. Tra le opere in prosa ricordiamo i racconti di "Arrivo al mare" (1955) e "Un po di febbre" (1973).

I temi e lo stile
La poesia di Penna è molto lontana dai movimenti culturali del Novecento ed è caratterizzata da una sostanziale uniformità tematica e stilistica. Sul piano tematico Penna si definisce "poeta esclusivo d'amore" . Anche sul piano stilistico il poeta rimane per tutta la vita fedele a un solo modello, prediligendo i componimenti brevi e uno stile apparentemente ingenuo e spontaneo caratterizzato da un linguaggio limpido, semplice ed elegante.

Registrati via email