Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Pascoli, Giovanni - Mare, commento

Appunto di italiano per le scuole medie che fornisce un breve commento alla poesia di Giovanni Pascoli, Mare.

E io lo dico a Skuola.net
Mare - Giovanni Pascoli

La poesia Mare è stata scritta da Giovanni Pascoli nel 1891 e si inserisce nella tematica del Decadentismo. In questa poesia Pascoli descrive il paesaggio che vede dalla sua finestra, osserva il mare, le stelle, le onde, il vendo, la luna e il suo riflesso sul mare, che viene paragonato ad un ponte d’argento tra il cielo e il mare. Il ponte dà serenità ai laghi e alla natura circostante, ma questa serenità non riesce a coinvolgere Pascoli, che si trova come uno spettatore passivo di fronte alla natura. Esso infatti non riesce a dare serenità al suo animo tormentato, e per questo si chiede per chi è venuto questo ponte, e dove conduce. La poesia lascia anche a noi questo dubbio. Pascoli descrive la natura come se fosse una sola cosa, attraverso l’unione tra mare e cielo, attraverso le onde e le stelle, ma soprattutto attraverso il ponte d’argento, che è il riflesso della luna sui laghi. La poesia è composta da una sola strofa divisa in otto versi, tutti endecasillabi. Nei primi quattro versi si trovano rime alternate (ABAB), negli ultimi rime baciate. Pascoli, descrivendo la semplicità del paesaggio marino ci fa riflettere sui misteri della vita.
Registrati via email
Skuola University Tour 2014