Memoria virtuale di un calcolatore

La memoria virtuale è un blocco di memoria logica di cui fanno parte la memoria centrale e la memoria di massa mentre, lo spazio degli indirizzi, viene detto spazio degli indirizzi virtuali. Grazie alla memoria virtuale il programmatore non deve più preoccuparsi delle dimensioni della RAM, poiché non vi vengono caricate tutte le pagine del processo ma solo quelle necessarie al suo funzionamento mentre tutte le altre pagine accessorie non immediatamente necessarie rimangono nella memoria di massa, questa tecnica viene chiamata paginazione su richiesta. Il modulo del S.O. che gestisce tale tecnica è il paginatore, che seleziona e carica solo le pagine che prevede siano necessarie. Se durante l’esecuzione del processo si rende necessaria una pagina non presente, viene prelevata dalla memoria di massa e trasferita in RAM. Per gestire in modo efficiente la paginazione su richiesta occorre inserire nella tabella delle pagine un bit di validità che consente di verificare se la pagina è caricata in memoria centrale, se non è presente viene generata un’eccezione di pagina mancante e la pagina viene caricata in memoria centrale. In caso di sovrallocazione viene eseguita la sostituzione delle pagine spostando una pagina non utilizzata in memoria di massa sostituendola con quella necessaria.

Registrati via email