Dreke90 di Dreke90
Genius 6795 punti

Cisc

Il concetto di Cisc

Durante le prime due generazioni i calcolatori erano accessibili in programmazione solamente a livello di macchina assembly;ogni processore aveva a disposizione mediamente una decina di istruzione del tipo load ,add,jump,che operavano attraverso un paio di metodi di indirizzamento.
Ogni istruzione era implementata in logica cablata,vale a dire che per ogni istruzione esisteva un circuito in grado di risolverla. Ne deriva che che le architetture dell'epoca erano piuttosto semplici e le macchine ,compatibilmente con la tecnologia impiegata, relativamente veloci. Per contro,il lavoro dei programmatori era tutt'altro che scorrevole,sia per il fatto di dover lavorare con linguaggi piuttosto ostici sia per la precisa conoscenza del sistema richiesta a chi doveva programmare a questo livello. Questo modo di progettare le architetture comincio ad essere messo in discussione all'inizio degli anni 60 quando cioè iniziarono ad affermarsi i primi linguaggi ad alto livello. Tali linguaggi erano in grado di offrire nuove potenzialità ai programmatori,che si trovarono a poter accedere al sistema a un maggiore livello di astrazione dalla macchina fisica sfruttando un linguaggio che oltre a essere decisamente più comprensibile,si slegava a un finora indispensabile visibilità verso i livelli inferiori. Il prezzo pagato a fronte di tali vantaggi fu un inevitabile appesantimento delle architetture ,le quali dovevano ora farsi carico anche dei processi di traduzione dei linguaggi di programmazione di istruzioni e di metodi di indirizzamento era ora una grassa limitazione: per tradurre costrutti come il case in sequenze di confronti e jump,o per realizzare le funzioni più complicate era indispensabile programmare compilatori estremante complessi.

Ecco dunque che inizio a delinearsi la tendenza ad aumentare le funzionalità del livello assemblativo,incrementando notevolmente il numero di istruzioni sopportabili e il numero di metodi di indirizzamento,e a rendere le istruzioni più simili a quelle ad altro livello. Questo approccio e noto come CISC(Complex Instruction Set Computer),per indicare la realizzazione di processori complessi con un set di istruzioni a sua volta complesso.

Registrati via email