valep91 di valep91
Ominide 31 punti

Algoritmo: che cos'è?

L’algoritmo è la descrizione di un insieme finito di istruzioni, che devono essere eseguite per portare a termine un dato compito e per raggiungere un risultato definito in precedenza.
Le caratteristiche delle istruzioni che compongono un algoritmo sono:

    1) Ogni istruzione deve essere concretamente realizzabile dall’esecutore, a cui è affidato l’algoritmo;
    2) Le istruzioni che compongono un algoritmo devono essere precise e non ambigue in modo che non lascino dubbi nell’interpretazione da parte dell’esecutore;
    3) Ogni istruzione, deve avere una durata limitata nel tempo;
    4) Ogni istruzione deve produrre, un risultato osservabile;
    5) Ogni istruzione deve avere carattere deterministico, cioè deve produrre sempre il medesimo effetto se eseguita a partire dalle stesse condizioni iniziali;
    6) Le istruzioni devono essere elementari, cioè non ulteriormente scomponibili rispetto alle capacità dell’esecutore.

Inoltre in un algoritmo ci sono caratteristiche basilari che devono essere rispettate in ogni caso, e sono:


    1) Un algoritmo deve essere composto da un numero finito di istruzioni, e deve presentare un punto d’inizio dove comincia il procedimento risolutivo e un punto di fine raggiunto il quale si interrompe l’esecuzione delle istruzioni;
    2) Deve essere completo ed esaustivo nel senso che per tutti i casi che si possono verificare durante l’esecuzione deve essere indicata la soluzione da seguire;
    3) Deve essere riproducibile: ogni successiva esecuzione dello stesso algoritmo con i medesimi dati iniziali deve produrre sempre i medesimi risultati finali.


Dal punto di vista dell’esecutore, l’algoritmo è la sequenza delle operazioni da compiere.

Altre definizioni fondamentali

Variabili: proprietà che assumono valori diversi per fatture diverse, stanno al posto dei valori specifici che verranno considerati in relazione a una determinata fattura.
Costanti: proprietà che non cambiano considerando problemi con variabili diverse.
Identificatori: i nomi che diamo alle variabili o alle costanti per distinguerle all’interno del modello considerato.
Dati: valori assunti dalle proprietà degli elementi che caratterizzano il problema, rappresentate con variabili o costanti.
Azioni: attività che mettendo i dati in relazione tra loro, consentono di ottenere i risultati desiderati.
Dati di input: sono quelli che vengono forniti dall’esterno per poter risolvere il problema.
Dati di output: sono quelli che vengono comunicati all’esterno, come risultato della soluzione del problema.

Registrati via email