blakman di blakman
VIP 9176 punti

Proposizioni infinitive oggettive

La proposizione infinitiva ha valore oggettivo quando completa la sovraordinata costituendone l'oggetto.Il costrutto ricorre:

-dopo i verba sentiendi (verbi di sentire):
Caesar per exploratores comperit Suebos sese in silvas recepisse.
Cesare seppe dagli esploratori che i Suebi si erano ritirati nelle selva.

-dopo i cosiddetti verba dicendi o declarandi (verbi di dire o dichiarare):
Haeduorum Caesar in omni Gallia summam esse auctoritatem sciebat.
Cesare sapeva che in tutta la Gallia grandissima era l'autorità degli Edui.

-dopo i cosiddetti verba voluntatis (verbi di volontà):
Cupio me esse clementem.
Desidero essere clemente.

-dopo i cosiddetti verba affectuum (verbi indicanti affetti):
Cotidie querimur malos esse felices.
Ogni giorno ci lamentiamo che i malvagi siano felici.

Registrati via email